Marzo promette battaglia….chi vincera' gli ultimi assalti



  • Non sarà affatto semplice delineare una linea di tendenza in questo periodo stagionale,in quanto siamo in un periodo che sarà contraddistinto dalla presenza di masse d’aria contrapposte,e legate dunque all’evolversi stagionale.Di certo anche nelle analisi precedenti propendevo per la fine di questa esasperata anti-zonalità,complice anche ripresa dell’ARTIC-OSCILLATION,ad individuare dunque una svolta dai connotati meridiani.Il decorso stagionale dunque non sarà privo di sussulti e mostra chiaramente la realizzazione di un impianto configurativo,figlio della particolare situazione teleconnettiva,prontamente individuata dai principali GM.Non dimentichiamoci che in ogni caso siamo ancora sotto i moderati effetti del MAJOR WARMING di tipo split,che proponeva la presenza di un poderoso hp alle latitudini polari.Sottolineo comunque che permane la possibile compattazione dello stesso,nella seconda metà di marzo,complice raffreddamento in alta stratosfera che andrebbe a riaccoppiare i vari piani isobarici inibendo di fatto gli slanci altopressori,ma su ciò vi torneremo successivamente in quanto è una fase molto delicata ove ci giochiamo l’intero assetto primaverile. La situazione si farebbe interessante già nel medio-termine che vedrebbe dopo un ultimo passaggio instabile la prima avvenzione sub-tropicale enfatizzata dalla presenza depressionaria al largo del Portogallo,ove si genererebbe un vero ciclone con una 970 hpa,e venti di tempesta dato lo strappo al getto e convergenza tra differenti masse d’aria.Su queste aree si avrebbe forte maltempo,che risalirebbe verso la manica,mentre il ,mediterraneo vedrebbe al centro-sud una fase stabile e molto mite(sino a 20-22°c),col nord che avrebbe comunque il passaggio di onde atlantiche dalla traiettoria alta.Nella fase successiva assisteremo entro i primi di marzo alla compattazione del canadese che si arriccerebbe su se stesso,pompando calore verso nord,con un parziale cout-off atlantico a generare complice prima pulsazione del PNA un blocking atlantico,minato alla radice dall’eredità depressionaria precedente,e nonostante il parziale riassorbimento delle SSTA negative in questo frangente con target 5 marzo sembra prevedibile una prima intrusione di aria fredda con target alto,passando per il nord Italia,Francia e Spagna (colata moderata).Sarà però da valutare come evolverà da li la situazione con un blocco atlantico in appoggio allo SCAND+,con una seconda pulsazione positiva del PNA.In oltre elemento non trascurabile sarà la spinta del canadese il quale mentre si avvicinerebbe una possente colata artico-continentale convesserebbe leggermente l’hp di blocco,evitando una sorta di effetto palloncino,col blocco che cederebbe dall’alto,ed un target adriatico per la colata pronosticabile nella fase 8-9 marzo.Ovviamente la prognosi non sarà sciolta prima di domenica o lunedì,visti anche i continui balletti della MADDEN,dunque ai prossimi aggiornamenti.



  • si tifone,marzo promette molta battaglia,domenica si scioglie la prognosi intanto anche ecmwf si allinea a gfs e propone scenari freddi…...vedremo uin questi giorni come evolverà il tutto.....ma se si confermassero le carte proposte da gfs in questi giorni ,x noi del versante adriatico sarebbe da divertirsi..........Speriamo e incrociamo le dita


Effettua il Log in per rispondere
 

Sembra che la tua connessione a Il Forum di 3BMeteo sia stata persa, per favore attendi mentre proviamo a riconnetterti.