LA NEVE AL NORD



  • Ciao a tutti, sono "relativamente" nuovo di questo forum nel senso che lo leggo da anni, seguo il sito mille volte al giorno sempre da tempi immemori ma non ho mai interagito, oggi però scrivo per la prima volta.

    Vorrei, naturalmente senza apparire polemico, conoscere i motivi per i quali vengono usati i modelli a lungo termine, non sono mai attendibili, insomma, seguo la meteorologia da anni e vi assicuro che mai ho visto una previsione azzeccata oltre i 5 giorni da nessun sito di meteorologia a meno che, come potrebbe leggere anche il primo sprovveduto senza bisogno di modelli, le configurazioni fossero talmente chiare da non potere dare adito a cambiamenti.

    Io sono deluso forse in termini infantili, adoro la neve, adoro le precipitazioni e quando leggo del Burian, quando vedo previsioni a lungo termine con neve per 15 giorni di fila non riesco ad essere razionale e finisco sempre per crederci salvo poi come da classico leggere poco tempo dopo una completa ritrattazione con titoli del tipo "anticiclone libera tutti".

    La domanda fatidica è "perchè se un modello a lungo termine cambia previsioni ogni 5 minuti lo si propone?" non ha senso e illude i nivofili come me.

    Vorrei in ogni caso complimentarmi con chi gestisce questo sito, è in assoluto il migliore in Italia ed il più completo e concludendo dico la mia sulla neve al nord, quest'anno non vedremo un solo fiocco a bassa quota in lombardia, ormai diciamolo, tranne qualche episodio tipo 2006 da anni non nevica più come faceva un tempo, sono relativamente giovane ma ricordo i primi anni 80 quando andavo all'asilo che dalla fine di novembre in avanti le nevicate erano assicurate almeno ogni 10 giorni, cosa che ormai da 20 anni non accade più in lombardia.



  • Benvenuto Gulygoz! ;)
    Anch'io diffido un po' delle previsioni a medio-lungo termine, che penso debbano essere prese come una linea di tendenza molto generale e una sorta di solletico alla fantasia degli appassionati



  • Benvenuto Gulygoz anche da parte mia. Dove abiti?

    Per quanto concerne la mancanza di neve cronica in Lombardia concordo pienamente. Ormai nevica di più ad Atene che a Bergamo. Seguo la meteo dai primi anni 80, quindi ritengo di avere abbastanza esperienza. Credo che dipenda dalla scarsa influenza che le correnti atlantiche hanno ormai da molti anni sull'Italia e dalla contemporanea pesante invadenza del cammello. L'anticiclone africano spingendosi verso nord ci porta estati sempre più bollenti e, d'inverno, ci porta le irruzioni fredde da nord che favoriscono i balcani e le regioni peninsulari italiane in temini di neve mentre lasciano a secco il nord Italia. Ma negli anni 60 e 70 (anni freddi) non era così, mentre queste configurazioni a noi sfavorevoli si sono verificate spesso negli anni 50 e 90 (anni caldi). Ho l'impressione che più sale la temperatura del pianeta più siamo sfavoriti rispetto alle altre aree del Mediterraneo in termini di neve.
    Vorrei aggiungere che è l'anticiclone delle Azzorre a portarci la neve grazie alle sue incursioni in Islanda e Groenlandia; ma esso, così come la depressione d'Islanda, si è molto indebolito a scapito di quello africano.

    Per quanto riguarda invece la non attendibilità dei modelli a lungo termine di dò ragione solo in parte. Normalmente sono piuttosto imprecisi, ma per esempio d'estate, quando le figure bariche sono più stabili, si comportano meglio. Anche le irruzioni polari marittime riescono a vederle con molto anticipo. Ovviamente mi riferisco alla situazione barica in quota. Per conoscere con precisione la posizione dei minimi al suolo bisogna aspettare 2-3 giorni prima dell'evento.



  • Ciao, io sono del lago di Como. Concordo con la tua analisi e purtroppo credo che l'anno scorso sia stato un evento eccezionale il fatto che nevicasse praticamente ogni settimana. Più osservo il trend di questo inverno e più mi convinco che in Lombardia quest'anno non ne vedremo un briciolo della dama bianca. A bassa quota intendo.

    Ciao ciao



  • ciao,
    io sono di ancona, quind settore adriatico, e ho passato la quarantina. vi posso dire che gli anni più nevosi (a memoria mia) qui nella costa marchigiana sono stati quelli alla fine degli anni '70 e dal 1985 fino al 1996. poi quasi più nulla. anche nell'entroterra quasi niente.
    mio padre ,che era oginario del fabrianese. mi diceva che da piccolo vedeva sempre un sacco di neve in quella zona in inverno, con i monti circostanti costantemente innevati per mesi. adesso non è più così.
    quindi, diciamo che la neve latita un pò dappertutto, non solo al nord :( per i motivi sopraddetti da voi


Effettua il Log in per rispondere
 

Sembra che la tua connessione a Il Forum di 3BMeteo sia stata persa, per favore attendi mentre proviamo a riconnetterti.