Abbondanti piogge in arrivo. Seguiamo qui l'evoluzione



  • Dopo il freddo precoce, situazione che tende a ribaltarsi nel corso della prossima settimana tanto che torneranno in grande stile le piogge su tutta la Penisola. Responsabile del cambio sarà l'arrivo di una profonda saccatura dal nord Atlantico che gradualmente sposterà la sua attenzione sempre più verso il bacino centro occidentale del Mediterraneo. Di conseguenza, l'avvezione di tempeatura calda porterà ad un rinforzo del campo di alte pressioni sull'est Europa e sulla Russia ove andrà generandosi un bel blocco al maltempo da ovest. La situazione che da oggi andremo a monitorare e seguire attentamente, rientra in quei casi in cui i fenomeni potrebbero presentarsi insistenti ed abbondanti. Con tutte le ovvie conseguenze. :o Con lo sprofondamento della saccatura verso il Mediterraneo e il cuore del continente nord Africano, masse d'aria molto umida tenderanno a fluire sottoforma di intense correnti di scirocco verso lo Stivale. :cry: Si tratta di aria molto calda di estrazione sahariana, in origine molto stabile e dal basso conenuto igrometrico, ma che tende ad umidificarsi pettinando la superficie del mare e a caricarsi di energia :roll: . L'inversione termica che si andrà a creare, rappresenta un coperchio all'instabilità condizionale che verrà rilasciata dagi effetti orografici della ns Penisola ma anche dal sopraggiungere delle così dette short wave in quota. Cosi, in un corridoio in cui il valore dell'umidità specificica risulterebbe molto alto, :? trasportato da un getto a basso livello (tecnicamente lo chiamiamo come Low Level Jet) prenderà vita un canale dal Canale di Sardegna verso lo Stivale, canale in cui la genesi di ammassi temporaleschi prenderanno facilmente vigore in testa al fronte. 8-) Sopratutto i fenomeni appaiono più probabili quando la saccatura tenderà a divenire negativamente inclinata periodo in cui l'avvezione differenziale termica e dinamica presenteranno la loro maggiore espressione. :mrgreen: Il fronte nuvoloso preceduto da fenomeni temproaleschi si organizzerà al meglio sul Mediterraneo centro occidentale e, caricandosi di energia, espleterà la sua massima funzione sui settori esposti alle correnti meridionali. Sopratutto le Tirreniche e il Nordovest potrebbero assistere a fenomeni abbondanti. :o Attenzione perchè stante lo shear del vento (previsto sino a 25 m/s, almeno ad oggi) e la continua alimentazione calda e umida dell'inflow, celloni temporaleschi potrebbero "battere" sulla medisima zona per qualche ora. :shock: Poi, in una seconda fase le precipitazioni coinvolgeranno il Nordest e il meridione, quest'ultime che inizialmente vedranno una notevole impennata termica ma, a s guire, anche maltempo, per aggravanti africane che complicheranno il tutto. Seguiremo passo dopo passo questa evoluzione che andremo ad approfondire nei prox giorni sulle ns previsioni ma anche sui nostri editoriali. Sotto la mappa delle piogge del ns modello ECMWF per il 22 mattina.



  • Ottima analisi! C'è ancora una incognita, quel campo di alta pressione previsto sull'est europeo secondo te potrebbe rovinare la festa della pioggia sulle adriatiche? in particoalare su Veneto e Friuli?



  • Dati osservati in provincia di Bologna dalle ore 06 GMT di venerdì 16 ottobre 2009 alle ore 06 GMT di sabato 17 ottobre 2009 Stazione: Bologna Aeroporto Comune: Bologna Altitudine: 36 slm
    TMAX: 15.6
    TMIN: 3.7
    Prec: 0.0
    UMAX: 89.3
    UMin: 39.0

    Non so, a me sembra di vivere in un altro paese :? :( : qui non piove mai, ma perché? cosa è successo? leggo ovunque post entusiastici di perturbazioni, di precipitazioni abbondanti, di acqua e neve ma qui il cielo è sempre sereno, nel mese di ottobre 2 giorni con pioggia (ma uno di questi con solo 1 mm) e 15 senza. Vorrei solo che 3bmeteo mi spiegasse perchè! :roll: :arrow: :shock:



  • resisti steven, la pioggia sta aarivando!!!


Effettua il Log in per rispondere
 

Sembra che la tua connessione a Il Forum di 3BMeteo sia stata persa, per favore attendi mentre proviamo a riconnetterti.