Deficit idrico durante il semestre caldo piovoso



  • Situazione idroclino molto deficitaria per il Medio-Basso versante Tirrenico: sarebbe utile quanto rigenerante per le falde un prosieguo con surplus pluviometrico, onde evitare un tramonto estivo da topi



  • Già,ma anche sul viterbese abbiamo avuto dei deficit,seppure la cartina non lo mostra. Marzo abbondantemente in surplus,ma aprile lievemente in deficit e in moderato deficit anche maggio. Da me 186-68-28.



  • Grazie della risposta!
    Il long, mediamente, denota forti possibilità di precipitazioni estive: la natura non emofiliaca sa come ristabilire le calende;)
    Una cosa del genere capitò intorno al solstizio estivo 2010 con una 552 dam che sfiorò il Meridione; tuttavia, allora, eravamo in piena era scambi meridiani.

    Corsi e ricorsi alla Giambattista Vico



  • amarcord, J'accuse recita il solstizio: tuttavia, le configurazioni saranno simili infinitesimamente, ma mai uguali



  • Si, hai ragione molto assona col 2010. Tuttavia credo che nella fase piu' centrale , questa stagione mostrera' difformita' da quella, piu' caldo direi.



  • la media delle medie, il punto mediano multisharing prevede ciò nel medium-long range, quindi non si intravede nessuna fiammata perspective



  • sull'orlo dell'estinzione dei poli, urgono temporali estivi, anche di forte intensità….almeno si prepara il terreno

    sat sempre più sporco, si profila clamoroso flop



  • si intravede la luce in fondo al tunnell africano
    l'erezione verso N tra penisola iberica e Oceano dell'Anticiclone delle Azzorre potrebbe determinare un calo dei geopotenziali medi sulla nostra penisola, apportando un cospicuo calo termico

    Gfs, tra l'altro, vede il calo dei gpt a 186 ore più in là, proietta l'Europa Centrale in autunno, forse, con risvolti da confermare sull'Italia molto scoppiettanti, ma soprattutto, ci sono indici di un mese di agosto che potrebbe partire con qualche passo falso estivo…vedremo



  • I mattutini però hanno ridimensionato tantissimo la possibile rottura del 25,ecmwf l'ha ridotta ad una semplice goccia fredda in quota in entrata dalla Francia. Sarebbe responsabile di violentissimi temporali al Nord,ma dal mare non arriverebbe nulla,con zone come la Toscana che potrebbero non vedere una goccia d'acqua. Un fronte ben strutturato sarebbe la meglio cosa per noi tirrenici. Speriamo bene,io odio i cali termici senza rotture ben piovose…



  • infatti…a livello stagionale nel periodo statisticamente più caldo dell'estate, solitamente, l'instabilità si limita ad Alpi e Prealpi con qualche sconfinamento in Pianura Padana, tuttavia mai dire mai, nell'era meridiana...quindi la prognosi sarà sciolta tra 72-96 h. A 120-144h si confermerà la configurazione. In ogni caso bene vengano giorni con maggiore ventilazione diurno-notturna.



  • generale calo termico in prospettiva, il turismo balneare ha avuto già tanto in questi mesi….trascurando ed annullando totalmente l'urgenza d'acqua con il solito egoismo Baywatch..quindi mi auguro che torni presto la pioggia, e ,c he , questo scempio, che tanti danni ha fatto, finisca...

    il diktat africano-moldovo



  • Regione Campania allarme siccità: testimonio la comparsa già da una decina di giorni di incendi vasti, addirittura i sempreverdi Picentini e sul Pizzo, indice di forti condizioni di occlusione intestina di macchia mediterranea divorata. la nuova onda calda potrebbe aggravare la situazione del settore agricolo rendendo la viticoltura possibile solo grazie ad etichette biologiche, quindi, un'annata vitivinicola, quella del 2015, che potrebbe passare alla storia come il definitivo sorpasso australiano…ci manca solo qualche canguro e stiamo apposto. Situazione deficitaria a livello idrico, sono scomparsi addirittura i Soccorsi dei vigili del fuoco, vista l'altissima temperatura e l'impervità del territorio. Quanti Canadair ci vorranno? Zampino antropico epistemologico



  • Le correnti convettive

    addirittura nell'ultimo mese si discute oltre all'Haarp, di inibizione della spinta di Archimede….praticamente si spiegano i forti fenomeni dell'ultima settimana in una eccessiva depressurizzazione, tale da provocare la caduta di gocce taglienti, tra l'altro, anche senza efficacia per le colture, dato il rapidissimo ed elevato livello di evaporazione, considerata le altissime temperature al suolo. Inibire, praticamente la spinta ascensionale di una mongolfiera



  • Configurazione, quella di domani, molto penetrante per il medio-basso versante tirrenico. Contrasti molto elevati. Previsti intensi nubifragi. Classica azione di maltempo estivo


Effettua il Log in per rispondere
 

Sembra che la tua connessione a Il Forum di 3BMeteo sia stata persa, per favore attendi mentre proviamo a riconnetterti.