Stratwarming si, ma per chi? Usa, Europa o Asia?



  • Era monitorato da diversi giorni lo stato delle condizioni a quel livello atmosferico (Stratosfera) ed è arrivato domenica scorsa.
    Infatti è allora che s'è potuto appurare che ad una iniziale temp. di -76° spra il Polo, questa sia gradatamente risalita prima a -43° ed oggi o domani potrebbe toccare i -20°! Chiarissimo il riferimento ad un potente heat flux caldo che determino' anche lo scorso anno l'instabilita' primaverile e anche la successiva estiva. Cosi' stante le cose, si potra' assistere ad una frantumazione del Vp che collassera' verso le quote inferiori , il problema resta da vedersi in quale direzione, se cioè sull'asse Euro, Usa o Asiatico. E questo non è facile predirlo con netto anticipo. C'è la possibilita' d'un Stratwarming , che potrebbe interessare parte del nostro emisfero troposferico e quindi il continente. Sarebbe un colpo gobbo allo scacchiere configurativo continentale e ne vedremo dei risvolti freschi e instabili nel proseguo primaverile. va pero' tenuto in debito conto che il Vp non è fortissimo in termini di gelo e non cosi' potranno esserlo i suio eventuali split, credo di type minor, piu' che altro. I radiosondaggi sulle quote ci aggiorneranno.



  • tienici aggiornati =)



  • Ciao, andrew ottima analisi come sempre; si, sara' interessante notare questo passo evolutivo che si vedra' del Vp in final warming, che potrebbe destare sorprese quest'anno , come d'altronde ne fece lo scorso.

    Perché dai controlli emergono diverse analogie; sembra che tutto sia supportato da una potente onda Kelvin , che dalla zona indo-pacifica, quella vicino all'indonesia , quindi la west-zone, per capirci, si sia mossa prepotentemente e con vigore , verso una forte MAG quasi da fondo scala, ma con riferimento alto alla scorsa stagione.

    Il successivo conseguenziale, è l'innesco della wave1, che sospinge il Vp e lo pre-determina ad uno STRATWARMING quasi di TYPE MAJOR
    E con anticipo pure sulla scorsa primavera.

    Che accadra, ora? Il Desplacement sara' forzato dall'onda descritta e sara' in grado di produrre CORPOSI SPLIT ? Mah…,

    Io vedo altre due cose , sinceramente: 1- Madden J. Osc. forte, legame con EL NINO da monitorare. 2- Risentimenti anche per il Monsone Indiano e di Guinea (+ x il 1°)

    Nel Pacifico, una forte attivita' dellla MJO , precede la formazione d'un El Nino, da circa 4 a 6 mesi.



  • …. quindi professore ? Potremmo avere recrudescenze invernali a primavera inoltrata??



  • QBO dal passo leggerm. negativo , puo' indurre a pensarlo. Tale fase, comporta non dimentichiamolo, un azione bloccante zonale e magg. scambi meridiani. Da cio' s'evince che tale index presupporebbe ad una primavera in qualche modo disturbata o cmq instabile. Specie se l'index sia cosi'(-) nei sui strati piu' bassi.



  • Per ora si notano ipotesi davvero fantastiche in termini di freddo per le vacanze pasquali,quando comincerebbero ad attivarsi decise ondulazioni del getto. In alcune del 20 tendenze di GEFS addirittura tornerebbe la neve fino a quote molto basse al centro anche tirrenico per aria fredda in rapidissima discesa dalla Groenlandia e Islanda,una colata artica dunque coi fiocchi,anche letteralmente. Più in generale pare debbano arrivare delle freddate che potrebbero quantomeno riportare la neve a tutte le quote di montagna,dunque giornate invernali. Il lungo di ECMWF sembrerebbe d'accordo. Vediamo come evolve…



  • vediamo =) …..



  • @adoratoredelfreddo:

    vediamo =) …..

    Con l'aggiornamento di stamani di GFS tornerebbe la neve in collina al sud a inizio mese,per fare un esempio… Per me va bene anche la neve solo oltre gli 800-900 metri,va bene lo stesso :D



  • =) anche per me…. ma vedremo... l'HP di solito ha sempre la meglio, ahinoi!


Effettua il Log in per rispondere
 

Sembra che la tua connessione a Il Forum di 3BMeteo sia stata persa, per favore attendi mentre proviamo a riconnetterti.