La wave 2(2a onda planet.) non supportera' il vp ad altri split presto



  • La fase di freddo è giunta all'apice. Temperature molto basse, diffuse gelate , accumuli interni delle localita' pede e montane, piuttosto cospicui.

    Ma tutto cio' sta' anche per cessare. Da domani, inizia un seppur lento, ristabilirsi a condizioni pilotate dall'hp Azzorr., che rifara' mite e umido il clima. Neve e gelo, un ricordo. E fino a quando?' Questa la domanda piu' diffusa al momento; molti centri (eehmm..) son contrastanti, basta che leggiate…,freddo a Genn. ?

    No, Si, ni....! Non sanno ancora bene, o non hanno capito! Supporto la 2a.

    Si ripiglia la scena, la corrente occidentale. Cio' maximamente (x chi capisce..) vuol significare che, cessa la meridianieta'. Non è piu' supportata dalle due onde principali ma special modo dalla wave 2 quella Atlantica, cui abbiam necessita' per aver quello che s'è visto in questi tre giorni ultimi.

    Anzi: in prossimita' dell'area Aleutinica, una vigorosa spinta calda, alimentera' la profonda depressione Canadese, facendola sprofondare in un minimo isobarico, cruento e abissale, foriero di genesi di fronti sul settore o anche direi, per il settore Nord Atlantico.

    Questo, indurra', la circolaz. zonale occid., a scorrere a latitudini alte o relativam. tali, tanto da apportare fase mite e piu' nuovamente da aspetto autunnale sul comparto basso Euro-Mediterraneo. Cio' sino alla prima meta' del mese all'incirca. Gia', e poi?….dopo,

    bisognera' vedere ed analizzare x bene un paio di cosette: 1°-) SE LA DEPRESSIONE ALIMENTATA E POC'ANZI ACCENNATA (GROENL-ISLANDESE) SI "FONDERA' " CON QUELLA SCANDINAVA.....-ALLORA CON L'AUSILIO DI UN NEW BLOKING ATLANTICO, POTREMMO RI-VEDER SCENARI DAVVERO ...INVERNALI!

    2°-) IL VORTICE CANADESE, SI DIRIGE VERSO ++ BASSE LATITUDINI,(ATLANTICHE) ED INNESCA O DA' VITA A GENESI DI DEPRESSIONI MEDITERRANEE !! PAUSA PIUTTOSTO LUNGA DELL'INVERNO.....

    E COSA COMANDA TUTTO CIO' ?'.....- / LE DUE PRINCIPALI ONDE- LA WAVE 1 & WAVE 2. A LORO VOLTA SUFFRAGATE DAI RISCALDAMENTI IN MOVIMENTO VERTICALE O LATITUDINALI CHE S'OTTEMPERANO DALLE ZONE EQUAT. E SUB-TROP. , VERSO I POLI O CMQ OLTRE IL 60° PARALLELO. NE SEGUIREMO LE VICESSITUDINI. A PRESTO e ....BUON ANNO A TUTTI GLI UTENTI E ALLO STAFF 3BM.



  • Ciao, quindi anche nella seconda ipotesi si avrebbero precipitazioni abbondanti e finalmente neve sulle nostre Alpi?



  • Scusate,chiaritemi dei dubbi: la AO e NAO vengono viste positive da qui fino a quasi fine mese,ma le stratosferiche,beh,sono stratosferiche in tutti i sensi! Split del VPS assicurato!con forte riscaldamento in area groenlandese. Tutto ciò non dovrebbe propagarsi in troposfera? Perché però le tendenze di AO e NAO remano contro?



  • Una situazione simile si verificò nel gennaio del 2012, cioè che stratosfera e troposfera non coincidevano



  • Corretta osservazione Sasha,

    oltreche' la NAO e AO annessa, un index molto importante in questo frangente , è il NAM (North Anular Mode) che ridefinisce a tutte le quote l'andamento del Vp o meglio la sua "potenza". Quando positivo, il Vp resta ben compattato, venti tropo e stratosf. sostenuti, niente meridianeta'.
    Quando al contrario entra in fase neg., si ha l'indebolimento dei venti, manca la compatezza e il Vp si divide, in uno o piu' lobi, che scendono a latutudini inferiori non piu' trattenuti dalla forza dei venti suddetti. Ora il NAM è da poco entrato in fase -0.1 Quindi come ha suggerito sasha, puo' capitare , e questo è uno di quei casi, in cui nonostante valori seppur di poco positivi di NAO e AO, si possono avere irruzioni fredde, che assumono pero' in questi casi caratteristiche di maggior repentinita', proprio perche' difficilmente individuabili come molti fanno, dai 2 INDEX Atlantici. Quindi accade che ce se ne accorga, d'una avvezione alle porte, con poco anticipo.
    Ma possono essere cruente. Perche' il crollo,determinato alle quote superiori, è violento e improvviso e le MASSE D'ARIA, sospinte da questi "giochi" tropo-stratosferici, sono molto veloci. Da qui anche la potenza del vento che accompagna tali fasi, come nel caso di fine anno con forte ventilazione da N-Ne.

    L'anticiclone presente sul posto, come nel caso che ha preceduto il nostro avvento freddo scorso, è costretto a spostarsi velocemente dal loco, causa l'arrivo di massa d'aria nettamente opposta, che piomba giu', e tale forte spostamento a causare forti venti, oltre al minimo che si forma in zona come sul Tirreno nel caso.
    Quindi NAM, è un index da tener ben d'occhio in inverno. Come la formazione di Hp in zona Aleutine, Alaska, o Groenlandia. Indice anch'esso di possibile avvezioni fredde.



  • Grazie per le delucidazioni. Io ho tenuto conto del NAM solo in inverni scialbi per sperare che non oltrepassasse la soglia critica,fatto che comporterebbe due mesi di secco anticiclonico dalle nostre parti secondo la regola,come accaduto nel 2011/2012. Se questa discordanza si ebbe poi proprio in quell'inverno,beh,che sia di buon auspicio!!
    Mi date un link dove vedere questo indice sul web?





  • Comunque sopra mi sbagliavo,quando dicevo che AO e NAO venivano viste positive fin verso fine mese,in realtà era fin verso metà mese,in quel momento pensavo che le proiezioni erano per tutto gennaio,ho avuto una svista.
    In ogni caso oggi vedo che gli aggiornamenti sono ancor più al ribasso soprattutto della AO verso metà mese. Quindi non diamo l'inverno per finito,però che la prima metà del mese passerà tranquilla si,almeno i primi 10 giorni…

    Grazie per il sito con il NAM :)



  • Il cambio della Nam - AO , e piu probabile tra gennaio e febbraio , come esempio si ebbe nel Inverno del 2012 , e 2013.



  • La NAM è gia' in terreno negativo. Valore di -05 al 30 di Dicembre. La NAO e AO correlabili, scendono successivamente, non prima.



  • AO rivista decisamente al ribasso già prima di metà gennaio. NAO scende a fatica,si porterà sulla neutralità intorno a metà mese.
    Un osservazione: le dinamiche che hanno portato alla colata dapprima artico-marittima e poi gelida continentale sono avvenute con AO e NAO - entrambe intorno al -1 devo però osservare anche come a ottobre ci sia stato un drastico calo di AO e NAO con ripercussioni africane sull'Italia…



  • Non è infatti una "malvagia" osservazione.

    Specialmente, lascia comprendere come le cosidette "colate" , non siano per forza associati a bruschi e netti cali di NAO/Ao. Difatti, i 2 indici espositivi e razionalmente figurativi dell'andamento del medio Atlantico e Atlant. settentrionale, non possono pero' , prevedere i movimenti repentini dello scacchiere configurativo. Avvengono sempre cioe', fenomeni variabili o veri FORCING, a muovere lo stato generalizzato.

    Poi, il piu' delle volte si torna alla normalita', con non solo il ripristino pressorio ma anche termico. Vi somiglia a qualcosa d'attuale questa scena? Riflettere..,un deciso Pattern, è altra roba.



  • Ecco perche', l'ottimo prof. franco gia' con anticipo su alcuni "lidi", ha messo nello scacchiere futuro , sia il PIT-STOP con l'Azzorr. a farla da padrone per i prox 10-12 gg., sia l'eventualita' futura prossima di altre colate fredde per il settore Euro Mediterraneo, da fine 2a decade in avanti. Il Vp ha accelerato, concordo, ma anche l'Onda Planetaria sta "disegnando" o modulando cio' che avviene in modo determinante, essendo molto attiva. Senno' , come spiegare cio' che sta' avvenendo nel Michigan negli States ad esempio? Se abbiamo appena detto che si ricompatta il Vp? Mica accelera solo su d'una porzione emisferica? No, non puo' farlo..
    L'onda Pacifica supportera' uno scenario da NAO+, con depressioni fortemente stabilizzate sulla linea che va' dal Canada alla penis. Scandinava, con l'ausilio d'un Azzorriano molto alto e compatto. Cosa rompera' quest'assetto sino a meta' e oltre del mese?' a voi le scelte..( x gli interessati..)



  • La nuova dislocazione bilobatrice del Vp, dovuta cmq ad effetti di warming strato-tropo .



  • Ora gli effetti saranno quelli d'un forte impulso dell'Azzorre, dovuto come si dice al titolo, proprio dal modularsi dell'onda ma presto essa , si rimodulera' per il settore euromediterraneo.
    Addesso è forte freddo in America del Nord zona grandi laghi e nordest.



  • Si sono ridimensionate tantissimo le tendenze della AO. Anche la NAO ancora viene vista rimanere sopra. Nel 06z di stamani ho visto nel lungo delle belle destabilizzazioni del vp in GFS e l'ensemble,il parallelo compatto invece. Nonostante quindi AO e NAO positive il NAM sta crollando,sceso fino a -2.3 il 4 gennaio e l'EA che dal 15 andrà sotto,toccando minimo minimo il valore di -1. Ne deduco quindi che EA- significherà affondi nordatlantici,ma suppongo di poco conto in termini di freddo. E il NAM? Mi chiedo come faccia a rimanere ancora unito il VPT con quei valori. Deluso dai due indici troposferici,spero saranno rivisti al ribasso…



  • Infatti non è "troppo " unito,

    basti vedere quel che sta' combinando negli States. Difficile che abbia piu' di due bi-lobazioni alla volta emisferiche,gia' due son troppe. L'altra è in atto dall'area della Russia all'Egeo e Turchia.



  • @andrew:

    Infatti non è "troppo " unito,

    basti vedere quel che sta' combinando negli States. Difficile che abbia piu' di due bi-lobazioni alla volta emisferiche,gia' due son troppe. L'altra è in atto dall'area della Russia all'Egeo e Turchia.

    L'inizio di questa fase è coinciso con una discesa della AO da +4 a +1,l'indice dopo l'ondata di gelo di fine dicembre,aveva rapidamente recuperato. Una vera bilobazione,degna per un NAM così negativo,dovrebbe vedere arrivare forti richiami caldi fin sul cuore del polo,con formazione di un anticiclone dinamico,perché ben strutturato non solo al suolo (noto che dei massimi di pressione al suolo sono molto spesso presenti sopra la banchisa,un anticiclone di natura termica quindi) ma anche in quota. In questi giorni invece si ha una penetrazione solo dagli USA occidentali verso lo stretto di Bering,anticiclone però che sarà di nuovo scalzato via rapidamente,oltre che decisamente dannoso,posizionato li in quel modo,per il nostro inverno. Sempre più probabile invece è la conclusione dell'inverno di nuovo sopra la media termica,gennaio sta aiutando per ora dicembre ad alzarla…



  • Anzi,questi 12z stanno tornando a vedere dopo il 20 dei bei split del vp con movimenti interessanti per le nostre lande…


Effettua il Log in per rispondere
 

Sembra che la tua connessione a Il Forum di 3BMeteo sia stata persa, per favore attendi mentre proviamo a riconnetterti.