Tendenza stagionale primaverile 2014



  • Domani inizia la Primavera Meteo , dopo un Inverno MITE , tra i piu miti , ma soprattutto storicamente piovoso . Il primo mese primaverile , Marzo inizia con fase piu fredda e nevosa a quote relativamente basse , tipicamente Invernale ,

    con il vento di marzo altalena di suoni di Sole , colori e di rami . Le cime nevose delle alte montagne , in particolare le Alpi , con eccezionali nevicate , con i mesi piu caldi , iniziano a sciogliersi al tiepido soffio caldo primaverile . Gli Alberi offrono le prime gemme con pudore e riverenza alcuni , con giovanile baldanza altri .

    In Italia , la Stagione Primaverile , come sappiamo , da oltre un ventennio ( dagli anni '90 ) prevale in prevalenza piu calda , di cui la primavera 2007 e 2011 , tra le piu calde in assoluto .

    In Italia dal 1997 la primavera è stata sempre piu calda con Temp. Media stagionale superiore alla norma , tranne nel 2004 , primavera del 2004 piu " fredda " di cui in particolare Maggio 2004 eccezionalmente fresco T. media mensile con anomalie termica negativa di - 1°, 3 inferiore alla norma.

    dal 1948 ; .. la primavera del 1980 - 1987 e 2004 sono le piu " fredde " in assoluto .

    le piu calde Primavera del 2001 e 2007 .

    Secondo i dati Nazionali , anche in epoche piu " fredde " ci sono state Primavere altrettanto calde , di cui la Primavera del 1862 - 1728 , sono state molto calde .

    la piu fredda in assoluto risulterebbe la Fredda Primavera del 1740 .
    durante il periodo della P.E.G. , le prime misurazioni - registrazioni risalgono appunto in questo periodo tra il 1600/1700 .

    I primi strumenti di meteorologia inventati in questo periodo ( 1452 - 1647 ) da Grandi Inventori e Scienziati Italiani , di quel tempo. , Leonardo da Vinci , Galileo Galilei , Evangelista Torricelli . The first three of key instruments of meteorology ,. the hygrometer , thermometer , and barometer.

    allora erano " altri tempi " in cui non c'era l'elemento di origine Antropogenica , la forzante antropica.

    Secondo i Dati e Indici - Q.B.O. in prevalenza positiva ,( si presume fino ad Autunno ) , Indice Climatico A.M.O. da decenni in fase positiva , .. la Primavera dovrebbe essere in media piu calda in particolare tra Aprile e Maggio .

    è probabile una fase Invernale durante il mese di Marzo , teoricamente a supporto i dati statistici , in cui , un inverno mite segue una fase Invernale durante la primavera , esempio , come durante l'Autunno scorso c'e stato un fase molto rigida tipicamente invernale durante la 3a dec. di nov., poi Inverno in prevalenza piu autunnale .

    ipotetica Tendenza Stagionale Primaverile

    Marzo ; in media il mese piu " fresco " , con possibile fase tipicamente Invernale tra la 1a e 2a dec.

    Aprile ; sopra la media , piu caldo , probabile fase quasi estiva tra la 2a e 3a dec.

    Maggio ; leggerm. superiore la media , con fase piu fresca tra la 1a e 2a dec.



  • In questa fase Climatica , in cui la discussione - il dibattito Scientifico si concentra soprattutto sull'incremento dei GHG , e della T. media globale , che sappiamo , secondo dati di Autorevoli Enti , non è aumentata dal 1998 , nel contempo sono incrementate le emissioni e la quantità di CO2 nell' Atmosfera

    Certamente siamo sempre in una fase più calda in assoluto - T. media globale - ma da circa un decennio sempre secondo Dati e Autorevoli Enti , N.A.S.A. , N.O.A.A. , non si è registrato un ulteriore incremento della T . media , questo indica , come i Fattori Naturali - Minimo solari - Oceani SSTa positive in calo , stanno probabilmente ostacolando l'azione dei fattori connessi alle Attività Antropiche

    che ha determinato l'incremento delle concentrazioni in Atmosfera dei gas serra che ha modificato l'equilibrio energetico globale .

    Sensibile l'aumento della T. media globale dal 1980 . Decennio 2000 con maggiore frequenza di eventi meteorologici estremi .

    In 1958 the concentration was already 316 ppmv , and has climbed every year to reach 400 ppmv. by June 2013 .

    Tendenza Stagionale Primaverile ,
    In Italia , spesso si andava al Mare gia durante il mese di marzo , come in questo caldo oltre decennio , Marzo caldo 2001 , con fase quasi estiva nella 3a decade , questo si verificava spesso anche in passato ,

    Marzo 1881 al centro sud , con temperature anche oltre i 30° , dal 7 al 9 Marzo e nella 3a dec,. altro mese di marzo caldo . Marzo 1884 , segue Marzxo molto freddo nel 1886 .

    Secondo i Dati Nazionali , Dal 1872 al 1887 , in prevalenza Marzo piu caldi , con alcuni anche estremamente rigidi , come nel 1874 - 1883 - 1886 .

    forse i quei tempi si è affermato il detto , marzo pazzarello , poiche si passava dal caldo al freddo nel stesso mese , ma anche con annate in cui marzo ha avuto FASI quasi estive , ed altre con Fasi tipicamente Invernali.



  • La Primavera meteo è iniziata piu fredda , in particolare al centro sud , per venti orientali , ma come da modelli sembra iniziare una primavera piu calda , come indicano i dati statistici , in cui la stagione primaverile prevale sopra la media da circa un ventennio , tranne nel 2004 in media piu " fredda ".

    In Italia mese di marzo tra i piu freddi in assoluto dal 1850,

    Marzo 1907 , con frequenti irruzioni piu fredde , come nella 1a decade,. e tra la 2a e 3a decade . eccezionalmente rigido e nevoso.

    Negli States questo Inverno 2014 è stato molto rigido , due anni dopo l'inverno del 2012 che invece è stato tra i piu miti/caldi dal 1880 .

    Questo inverno molto mite in Europa , segue dopo alcuni molto rigidi e nevosi

    Mese di marzo molto freddo e nevoso , soprattutto per gli States Nord Orientali , è stato marzo 1888 . A New York , con temperature minime anche oltre i - 18° C. ( 0° F. ) ricordato come il terribile BLIZZARD del Marzo 1888 .
    con molti danni in particolare sulle zone costiere e il porto.

    The Blizzard of 1888 produced temperatures in March well below 0°. F ( - 18° C. ) , with high wind gust and deep snowdrifts stranding several cities on the Eastern Seabord . New York City suffered the most damage , perticularly to its Harbor.

    Da Dati Annuali per New York City , dal 1850 , Central Park , the annual temperature of Central Park , recorded between 1850 - 2013 , shows warming of around + 3°, 6 F. ( 2 ° C. ) , si è registrato un aumento della T . media annua di 2° .

    L' incremento piu sensibile si è registrato prima delgi anni '50 , warming was rapid prior to 1950 , questo dimostra come influisce il fattore Antropico , urbanizzazione e industrializzazione - Microclima - isole di calore - reflecting the pattern of urbanization.

    In questi dati per la Città di New York ( Central Park ) , si notano anche valori medi Annui , inizio anni '50, non molto dissimili da gli attuali anni 2000 , anche se in leggero aumento .



  • Consiglio anche qui , di vedere la nuova tendenza(vid. di F. Nuc.) ad un primo sguardo delle possibilita' estive non solo del 2014, ma anche e molto piu' possibilisticamente del 2015, con realizzazione d'un possibile NINO Strong, che nel caso , relegherebbe delle estati torride al comparto Europeo ma essendo la PDO, un index pluri decen. , il periodo preso in considerazione ,potrebbe essere molto lungo e il prospetto di anni piu' freddi anche annullato.Solo i venti strato possono alleviare seppur temporaneam. tale situaz. Ma la predominante (PDO) resta dominante. saluti



  • Certo , come dice lei , c'e questa possibilità di El Nino , ma forse ha dimenticato di precisare anche la fase PDO prevale in zona negativa da anni , ( DATI NOAA ) con due Nina strong tra il 2007/2008 e 2010/2011 , adesso fase Neutra . L' Europa e Italia sono fortemente condizionate anche da AMO ( SSta Nord Atlantico ) che prevale positiva , dal 1994.



  • @tony:

    Certo , come dice lei , c'e questa possibilità di El Nino , ma forse ha dimenticato di precisare anche la fase PDO prevale in zona negativa da anni , ( DATI NOAA ) con due Nina strong tra il 2007/2008 e 2010/2011 , adesso fase Neutra . L' Europa e Italia sono fortemente condizionate anche da AMO ( SSta Nord Atlantico ) che prevale positiva , dal 1994.

    Non l'ho dimenticato, lei dice che l'abbia fatto. Ma le proiezioni, sul monitoraggio del pacifico e sulla PDO, vergano verso un nuovo indirizzo,sottolineato anche stamane nuovamente su altri lidi evidentemente in fasi di aggiornamento, credo che forse pero' venga sottodimensionato l'index invece (PDO) per l'Europa, che ha invece dimostrato di valere statisticamente appunto, molto nelle successioni di estati calde verificatesi poi in ambito Europeo e Mediterraneo. E se, si è molto appassionati di dati, non potra' sfuggire simile consuetudine e assimilazione all'andamento di una stagione ma direi sostanzalmente di tutto poi l'arco annuale, perché tale indice,(P.D.O.) porta non soltanto ad una stagionalita' , quella estiva piu' calda ma bensi' ad anni come il 98', ben piu' caldi nella loro registrazione. Ho altresi' sottolineato ,che, venti stratosferici inversi agli attuali, sono , la controffensiva piu' netta a quando tale succitato index ,appare in segno positivo. L'A.M.O. ha la sua importanza, ma i forti episodi di NINO, hanno contraddistinto piu' di n annata e stagione calda nella nostra area.



  • @Ing.Berardi:

    Non l'ho dimenticato, lei dice che l'abbia fatto. Ma le proiezioni, sul monitoraggio del pacifico e sulla PDO, vergano verso un nuovo indirizzo,sottolineato anche stamane nuovamente su altri lidi evidentemente in fasi di aggiornamento, credo che forse pero' venga sottodimensionato l'index invece (PDO) per l'Europa, che ha invece dimostrato di valere statisticamente appunto, molto nelle successioni di estati calde verificatesi poi in ambito Europeo e Mediterraneo. E se, si è molto appassionati di dati, non potra' sfuggire simile consuetudine e assimilazione all'andamento di una stagione ma direi sostanzalmente di tutto poi l'arco annuale, perché tale indice,(P.D.O.) porta non soltanto ad una stagionalita' , quella estiva piu' calda ma bensi' ad anni come il 98', ben piu' caldi nella loro registrazione. Ho altresi' sottolineato ,che, venti stratosferici inversi agli attuali, sono , la controffensiva piu' netta a quando tale succitato index ,appare in segno positivo. L'A.M.O. ha la sua importanza, ma i forti episodi di NINO, hanno contraddistinto piu' di n annata e stagione calda nella nostra area.

    Si , però non dimentichiamo che le Estati piu calde in Europa e in Italia , sono correlate FORTEMENTE anche con Indice AMO + positivo dal 1994 , per l' appunto le estati piu calde in assoluto in Italia , soprattutto in questo ventennio 1994/2013 ,

    In Italia , Estate MOLTO CALDE 2003 - 2012 - 2009 - 1998 - 1994



  • No, io ribadisco che lo tengo a mente. Tengo bene a mente dell'altro anche. Come lo sfasamento esistente tra PDO ed AMO. Se lei come immagino , legga e tragga molto delle sue conoscenze dal sito Wattsupwithat, deve leggersi un articolo dell'ottimo Antony Watt,uno dei co-relatori del sito, al capitolo "AMO & PDO, la somma del dataset dei 2 index, E' ERRATA! "
    MOLTO PROBABILMENTE , s'accorgera' che in sede di, calcolo nelle curve esponenziali,trovera' a meta' art. c.a., che "LA SOMMA DEL CALCOLO DEI 2 INDICI PER INDICARE L'ANDAMENTO STAGIONALE DELL'EMISFERO NORD (QUINDI EUROPA INCLUDED..) NON SI PUO' FARE "[ Confronto con i dati delle variabili di T°] o anche CURVE DEI DATARESET INVERSAMENTE PROPORZIONATE Molto piu' soddisfacente la relazione invece intercorrente tra, ENSO E PDO; le cui anomalie delle SSt dell'est ed Ovest Pacifico, collimano con i perdiodi antecedenti la comparsa di NINO - NINA. E' per questi motvi che le suggerivo che la stretta correlanza tra PDO e AMO, non trae gran suffragio dall'esamnazione della somma dei 2 dati, ed è possibile una fase COINCIDENZIALE DELLA CONCOMITANZA IN SEGNO UGUALE DEI DUE INDEX. Con osservanza.



  • Ma , non è come dice lei , ho messo in correlazione i Dati Stagionali Estivi - Nazionali , con l'Indice AMO che dal 1994 è in fase positiva , e frequenti estati molto calde in questo periodo ventennale come sopra menzionati, come è altrettanto chiaro che dal 1927 al 1947 e dal 1951 al 1961 questo Index AMO e stato positivo , anche se allora era un altro "quadro " climatico con molto meno quantità di CO2 e gas serra di origine Antropica - e meno inquinamento Ambientale rispetto adesso ,.. ci sono state con una certa frequenza estate molto calde , come nel 1928 - 1943 - 1945 - 1947 - 1950 ( 1950 tra le piu calde in assoluto dopo ovviamente al 2003 - 2012 ) .

    Forte El Nino tra il 1982/1983 , estate del 1983 complessivamente leggerm. sopra la norma , solo Luglio 1983 è stato molto caldo , con fase eccezionalmente calda tra la 2a e 3 dec. Lug. '83 ,.. altro Strong El Nino tra il 1997/1998 il piu intenso in assoluto come SSTa Nord Pacifico ben superiore al norma , con anomalia fino a + 2°, 5 . Estate del 1998 molto calda .

    Ma anche in fase NINA Strong , ci sono state alcune Stagioni Estive molto calde ,;

    Dal 1900 , le fasi piu intense Nina strong ( SSta negative - fase fredda ) sono nel 1904 - 1908 - 1910 - 1916 - 1924 - 1928 ( In Italia Estate del 1928 caldissima ) 1938 - 1950 ( Estate 1950 in Italia Molto Calda ) 1955/1956 ( Agosto 1956 eccezionalmente caldo ) , 1964 - 1970 - 1973/1975 , 1988 ( Estate del 1988 calda ) 1995 , 1999 , 2007/2008 , 2010/2011 ( In Russia Estate del 2010 molto calda con records di caldo in altre Località del Globo ) .

    Tra le fasi piu calde - strong El Nino - 1982/1983 ,..1986/1987 ,.. 1991 /1992 -, 1993/1994 , 1994/1995 ,.. 1997/1998 , correlate , anche ad Estati piu " fresche " come nel 1987 - 1992 - 1993 - 1995 - 1996 -

    We are really still in the " enfancy " stage of devoloping our understanding and predictive capabilities of the Enso phenomenon . Cordiali saluti



  • Non. E' cosi' invece. Lei tratta altro. E la spigazione e anche molto piu' semplice per chi legga o che lei supponga, difatti io le avevo ammonito che le fasi coincidenziali o susseguenti poi vedrem di cosa , e perché, sono discorsi diversi.

    1°- Gi Oceani - Per regola fisica e non del sottoscritto , la "piscina" piu' grande, influenza le altre e a maggior "merito" lo fa , perché le dimensioni FISICAMENTE E CHIMICAMENTE DOPO, glielo consentono. Essa, essendo d'un volume di c.a. quasi il DOPPIO dell'Atlantico (180.000 vs 106.000 Km2 ) avra' facilita' a comprendere che l'influenza del clima planetario, DOVUTO PER L'APPUNTO A MARI , come lei ben sapra',(suppongo) è DUNQUE DOPPIA, RISPETTO A CIO' CHE PUO' FARE L'ATLANTICO, non solo, ma poiché abbiamo gia' discusso del fatto ,che LE FASI PDO ENSO, & conseguente NINO-NINA, hanno influenze grandi sul clima Europeo e dei tutto il Nord Emisfero, le è facile convenire, che, il Pacifico ha nelle multidecadenze influenze maggiori , e come bacino di quasi il doppio e come massa. Ma non è tutto; non si puo' dire che vi sia una prevalente, né del medio Atlantico, né dell'index AMO, alle ragioni di NINO & NINA, in quanto, sono esponenziali , rispetto ad AMO & NAO and AO associata, perché hanno LA CAPACITA', DI REGOLARE NON SOLO UNA (1) STAGIONALITA' (caso della NAO) ma un intero Emisfero e direi dalla statistica ,che lei particolarm, ama, anche il regime MONDIALE. Ma AMO e PDO, son BEN DIFFERENZIATI TRA LORO. IL secondo puo' influire e determinare anche il 1°. Viceversa no.
    Indiscutibile quest'ultimo DATO. Ragion per cui, il Mare piu' grosso, ha accumuli e grandezze di valori ben piu' congrui e dimensionabili in tempi ben diversificati, da altri bacini piu' piccoli. E' la prima regola della fisica applicata alla materia climatica di cui c'occupiamo.Ricapitolando, AMO, regola pluridecennal le acque dell'Atlantico e neppure tutto perché sotto al Tropico del Capricorno, vi è un influenza piu' diretta di correnti Antartiche e clima Australe, mentre ENSO & PDO, hanno capacita' influenti per tutto il pianeta e piu' spiccatamente di altri index. Per quello, che alcuni climatologi parlano di possibile NINO, ora e NINA quando sia il caso, ma tenendo questi indici in "stretta correlazione" , molto piu' degli altri, per le loro capacita' , quasi raddoppiate , termoregolanti. forme o[[[/COLOR] Se ci si ostina, a veder in altre valori , un andamento lineare che non c'è ,perché non puo'e ssere di genesii diversa , perché appunto, la meteoclimat. , è per primaria cosa , matematica e fisica applicata, allora il rischio d'incappare in errori , s'eleva notevolmente. A men che, ma non credo sia il caso questo, datasi la persna che è Lei, non vi siano altre ragioni, che poi altrove ho ben spiegato nella linea di condotta ,in cui s'incappa sovente , in questo campo scientifico in termini di confronti.]] Ma è tutt'altra storia. Se Lei, è e o resta di diversa "sintonia"sull'argomento, le faccio i piu' sinceri auguri di completarne gli approfondimenti , quali pero' ritengo suoi e personali, nel senso che esulano allora dai miei principi di base , e quindi non occorre che vi sano ulteriori chiarimenti o specifiche sull'argomento, senza risultarLe offesivo , trerrei pero' la conclusione che, non s'avvantaggerebbe nessuno piu' dal continuare questa riga, vista la distanza , ma il suggerimento cade su altre basi d'argomentazione nuove. Ben lieto, di poter tornare a discutere di ambiti meteoclimatici. saluti

    Infatti la tendenza con questi parametri puo' difficilmente esser rispettata. Una previsione manco a parlarne,perche' non si puo' prorpio prevedere nel tempo-meteo,quel che fara' con mesi d'anticipo.



  • @Ing.Berardi:

    Non. E' cosi' invece. Lei tratta altro. E la spigazione e anche molto piu' semplice per chi legga o che lei supponga, difatti io le avevo ammonito che le fasi coincidenziali o susseguenti poi vedrem di cosa , e perché, sono discorsi diversi.

    1°- Gi Oceani - Per regola fisica e non del sottoscritto , la "piscina" piu' grande, influenza le altre e a maggior "merito" lo fa , perché le dimensioni FISICAMENTE E CHIMICAMENTE DOPO, glielo consentono. Essa, essendo d'un volume di c.a. quasi il DOPPIO dell'Atlantico (180.000 vs 106.000 Km2 ) avra' facilita' a comprendere che l'influenza del clima planetario, DOVUTO PER L'APPUNTO A MARI , come lei ben sapra',(suppongo) è DUNQUE DOPPIA, RISPETTO A CIO' CHE PUO' FARE L'ATLANTICO, non solo, ma poiché abbiamo gia' discusso del fatto ,che LE FASI PDO ENSO, & conseguente NINO-NINA, hanno influenze grandi sul clima Europeo e dei tutto il Nord Emisfero, le è facile convenire, che, il Pacifico ha nelle multidecadenze influenze maggiori , e come bacino di quasi il doppio e come massa. Ma non è tutto; non si puo' dire che vi sia una prevalente, né del medio Atlantico, né dell'index AMO, alle ragioni di NINO & NINA, in quanto, sono esponenziali , rispetto ad AMO & NAO and AO associata, perché hanno LA CAPACITA', DI REGOLARE NON SOLO UNA (1) STAGIONALITA' (caso della NAO) ma un intero Emisfero e direi dalla statistica ,che lei particolarm, ama, anche il regime MONDIALE. Ma AMO e PDO, son BEN DIFFERENZIATI TRA LORO. IL secondo puo' influire e determinare anche il 1°. Viceversa no.
    Indiscutibile quest'ultimo DATO. Ragion per cui, il Mare piu' grosso, ha accumuli e grandezze di valori ben piu' congrui e dimensionabili in tempi ben diversificati, da altri bacini piu' piccoli. E' la prima regola della fisica applicata alla materia climatica di cui c'occupiamo.Ricapitolando, AMO, regola pluridecennal le acque dell'Atlantico e neppure tutto perché sotto al Tropico del Capricorno, vi è un influenza piu' diretta di correnti Antartiche e clima Australe, mentre ENSO & PDO, hanno capacita' influenti per tutto il pianeta e piu' spiccatamente di altri index. Per quello, che alcuni climatologi parlano di possibile NINO, ora e NINA quando sia il caso, ma tenendo questi indici in "stretta correlazione" , molto piu' degli altri, per le loro capacita' , quasi raddoppiate , termoregolanti. Se ci si ostina, a veder in altre forme o valori , un andamento lineare che non c'è ,perché non puo'e ssere di genesii diversa , perché appunto, la meteoclimat. , è per primaria cosa , matematica e fisica applicata, allora il rischio d'incappare in errori , s'eleva notevolmente. A men che, ma non credo sia il caso questo, datasi la persna che è Lei, non vi siano altre ragioni, che poi altrove ho ben spiegato nella linea di condotta ,in cui s'incappa sovente , in questo campo scientifico in termini di confronti. Ma è tutt'altra storia. Se Lei, è e o resta di diversa "sintonia"sull'argomento, le faccio i piu' sinceri auguri di completarne gli approfondimenti , quali pero' ritengo suoi e personali, nel senso che esulano allora dai miei principi di base , e quindi non occorre che vi sano ulteriori chiarimenti o specifiche sull'argomento, senza risultarLe offesivo , trerrei pero' la conclusione che, non s'avvantaggerebbe nessuno piu' dal continuare questa riga, vista la distanza , ma il suggerimento cade su altre basi d'argomentazione nuove. Ben lieto, di poter tornare a discutere di ambiti meteoclimatici. saluti

    Fasi ENSO e PDO++, sono responsabili anche di maggiori risalite dell'HP subtropicale sul comparto Eur. e di intensificazione Monsonica inoltre,

    a sua volta, regolatrice della linea di interconvergenza tropicale e della sua modulazione (ITCZ). Per questo portano tali indici quando ++ , a estati molto calde o roventi in sede Eur o Medit.
    In partic. una PDO++, puo' produrre anche per gli States del N. estati davvero notevoli. Ma ora non c'è ancora nulla o poca roba. E' presto, puo' esser un fuoco di paglia, come un incendio grosso….,,,,,,,,,,,,,,,,,vediamo, attendiamo, prima di chiamar il 115!..........ave.



  • E' un dato di fatto che la capacità Oceano Pacifico è maggiore , e influisce molto , e sono d'accordo con Lei , come altre cose che sostiene e che leggo , cui condivido ,

    La P.D.O. e fasi Enso associati , hanno certamente contribuito al Warming in questi decenni , incremeneto della T. media ,

    ma il discorso iniziale si concentrava principalmente sul fatto che El Nino , significa un Estate molto calda in Europa e Italia , quando i dati dicono anche altro , con alcuni esempi ;

    un forte El nino c'e stato anche tra il 1939 e 1941 ( Dati NOAA ) , ma l 'Estate del 1940 fu molto fresca , secondo i dati Nazionali è stata addirittura la piu " fredda " in assoluto dal 1850 ,

    ho menzionato altre correlazioni e altre annate in cui con El Nino strong poi non c'e stata un Estate torrida o eccezionalmente calda , tranne in occasione di forti El Nino nel 1997/1998 e 2002/2003, seguono Estate del 2003 e 1998 molto calde , di cui il 2003 , sappiamo , la piu calda in assoluto.

    quindi sempre con rispetto , non concordo molto , spiegandone con i Dati e correlazioni fasi Nina E Nino , poi come lei sa , adesso prevale la fase Neutra .

    L 'Atlantico , con forti anomalie termiche positive , AMO + come lo è dal 1994 , credo che sia piu influente per l Europa e Italia , rispetto al Nino ( Nord Pacifico ) ,

    parlando della Stagione Estiva , o semestre piu caldo Primavera -Estate , in correlazione AMO + , sempre secondo i dati Nazionali , prevalgono sopra Media da metà anni '90 , appunto quando questo Index è in fase positiva , con fase eccezionalmente calda , con forti anomalie termiche positive dal 1998 al 2009 . Cordiali saluti



  • Da dati NOAA , si nota come dal 1999 , La PDO ( Nord Pacifico ) , prevale maggiormente in fase tra negativa e Neutra , .. mentre AMO - Nord Atlantico è stato prevalentemente in fase eccezionalmente positiva , in questo oltre decennio , caratterizzato da frequenti risalite calde Sub Tropicali , ITCZ piu alto , con Estati piu calde ,

    che hanno influito anche sui Ghiacciai , in sensibile riduzione in questi decenni soprattutto per il Nord Emisfero dove è maggiore la forzante Antropogenica.



  • Do la ragione massimale al prof. Non penso infatti che vi siano indizi sufficienti a comprovare la nascita d'un Nino forte. Certo ,le plusvalenze delle Sst pacifiche restano alte, ma bisognera' attendere alcuni mesi per vederne gli effetti sicuri. Il rimescolìo delle acque puo' talvolta portare ad un impennata in valori positivi dell'index ma non accade sempre e non sempre è cosi' forte che determini una condizione da Nino strong.



  • Salve e complimenti al post di tony e dell'ingegner berardi, devo dire che l'indice Amo è previsto man malo in calo, progressivamente, nel corso dei prossimi anni.tutt'ora peraltro l'ipotesi nino in area Enso sussiste, ma se di tipo strong, questo ancora non si sa, se fosse avremo inverni atlantici con poche incursioni fredde, ed estate mediamente più calde, poi è chiaro, ci sono molti fattori da valutare come giustamente avete citato il Pdo….salutoni



  • Si ma, PDO e ENSO, hanno incisivita' maggiore rispetto agli altri index. Diamo le priorita' come vanno date, senno' è un casino. Quei 2 li', sono in grado di avere effetti "mondiali" e non "locali" o solo emisferici e di un area in particolare.

    Che l'AMO scenda o si supponga a farlo, e buona cosa per l'area europea ma potrebbe non essere sufficiente. Esso, l'AMO, è indice dello stato delle acque di superfice dell'Atlantico solo medio e alto. L'altra meta' non è indicativa. Ma un forte stato posit. ++ di fase ENSO con PDO annessa , puo' vanficarne l'effetto, proprio perché essendo un index con piu' alto valore percentuale influenza maggiori porzioni planetarie. E poco c'entra, la relazione AMO + PDO+ENSO…= ?'?'?'...uguale che? niente. Puo' essere coincidenziale una fase all'altra e mostrarsi i due index completamente all'inverso, non salgono cioè , o scendono ALL'UNISONO.



  • @p.franco:

    Si ma, PDO e ENSO, hanno incisivita' maggiore rispetto agli altri index. Diamo le priorita' come vanno date, senno' è un casino. Quei 2 li', sono in grado di avere effetti "mondiali" e non "locali" o solo emisferici e di un area in particolare.

    Che l'AMO scenda o si supponga a farlo, e buona cosa per l'area europea ma potrebbe non essere sufficiente. Esso, l'AMO, è indice dello stato delle acque di superfice dell'Atlantico solo medio e alto. L'altra meta' non è indicativa. Ma un forte stato posit. ++ di fase ENSO con PDO annessa , puo' vanficarne l'effetto, proprio perché essendo un index con piu' alto valore percentuale influenza maggiori porzioni planetarie. E poco c'entra, la relazione AMO + PDO+ENSO…= ?'?'?'...uguale che? niente. Puo' essere coincidenziale una fase all'altra e mostrarsi i due index completamente all'inverso, non salgono cioè , o scendono ALL'UNISONO.

    Esattissimo. Quoto in toto cio' che ha detto e che molti faticano a comprenderne il senso. Gli index talvolta vanno seguiti e monitorati proprio sul nascere, nella loro genesi e cosa comporti a farlo. Citarli tutti a iosa, fuori dalla loro pecularieta' principale che è quella di condizionarne una stagione ,non ha stampo di rilievo. Da adesso, seguire la PDO e la fase dell'ENSO , puo' rivelarsi importante, anche perché da tempo sono in segno positivo ,dovra' pur cambiarne l'aspetto. Ed è una traccia di rilievo monitorarne l'andamento. Non solo soffermarsi a quelli che (index) abbiano una rilevanza piu' proficua per l'andamento invernale, che è oramai passato. Sono poi, questi due in esame , degli indici , assai prolifici per un andamento del clima se non mondiale, di certo dell'emisfero boreale tutto, visto l'inciput che gli danno.



  • in definitiva cosa aspettarci da aprile e maggio ????



  • Ce anche da monitorare la corrente del golfo, la quale se dovesse arrestarsi produrrebbe effetti non di poco conto!!!!



  • @adoratoredelfreddo:

    in definitiva cosa aspettarci da aprile e maggio ????

    Vediamo innanzitutto che in questo finale di Marzo, le cose si ri-equilibrano in una "compensazione" che era DOVUTA! Gia',perché certo non era possibile che stessimo in regime d'Hp sovrastante sin da ora….
    poi, credo che vi saranno ,anzi certamente, degli effetti da ri-polarizzazione del Artic dipole che avranno (com'era stato nelle previsioni..) delle conseguenze di stato climatico piu'

    FREDDO per l'asse Europeo e Mediterraneo, con aria d'estrazione subpolare marittima in seno a fronti in transito da N-NW, il tutto dovuto all'innesto d'aria fredda che da quota scendera' piu' in basso in sede nord Atlantica.

    Quindi 1a decade d'Aprile disturbata da questo pattern. Buoni scenari anche per la 2a. In toto, riterrei che l'inizio della primavera possa subire diversi "impulsi" d'aria piu' fredda e instabile.
    Compensera' in parte la mitezza invernale. Tengo a precisare che, quest'inverno ha avuto la particolarita' di mostrare un trimestre Particolarmente ...primaverile; Genn.,Febbr. e ora Marzo.
    Forse, la compensera' una fase di primavera, dall'aspetto molto piu' .....invernale?' Puo' essere....,ma sempre con accessi dell'Hp, tieniamolo ben a mente! Bye


Effettua il Log in per rispondere
 

Sembra che la tua connessione a Il Forum di 3BMeteo sia stata persa, per favore attendi mentre proviamo a riconnetterti.