+ estreme, ma l'agw non c'entra…



  • bUON GIORNO

    sono Frederich, e saluto tutto staff di 3bm e lettori e utenza. Sono ricercatore e vivo tra Dusserdorf e piccolo paesino in montagna in Trentino A:A. Mio campo specifico è ambiente & clima e l'interagire dei 2 insiemi con l'uomo e l'uomo con loro.
    Quindi evidente che le 2 cose vanno a bracetto. C'è molta discutere su AGW e activity uomo, ma relazione è molto scarsa, ed oggi che si osserva + extreme, ce' molto parlare a seguito di questo fatto, con colpe molto evidenti che si danno ad activity umana. Ma non è cosi'. Molti decenni, gli ultimi di forte Solar Activity and
    Up Cycles us Sunspot hanno fatto crescere notevolomente tutta la temp. globale del pianeta Terra, che si è surplus riscaldato e che ora piano piano cerca di raffreddare, ma questo processo portera' inevitabile una serie di fenomenia extreme, gia' da alcuni anni in corso e ancora per altri forse 3 o 4 forse piu' o meno non dato a sapersi, proseguira', poi ci sara' un altro status differente da attuale per parte d'Europa sicuramente piu' frddo.Ma Antropic Glob w. c'entra pochissimo By continued (scusate mio italiano)



  • e io la penso come te,come ha ben detto anche Guido Guidi,uno dei migliori meteoman italiani il global warming antropic è solo una bufala studiata a dovere dagli scienziati americani,son venuti a sapere che ora si son ricreduti…e hanno detto che il trend va verso il raffreddamento



  • Ciao Frederich sei il benvenuto, io sono franco prof. di fisica dell'atmosfera, se puoi, solo se puoi, mi diresti l'ente per il quale lavori o fai ricerca? saluti



  • a breve ragazzi entro luglio,apro un sito meteo,anche io,ma non vi abbandonero'continuero'a seguirvi come sempre!!!!!!



  • wow =) aspetteremo allora



  • Si, franco molto piacere anche mio. Io lavoro Ad Accademya di scenze in Berlino, dipartmento studio di atmosfera. Circa 15 anni, ora sto in breve pausa qui in Italia



  • @Frederich:

    bUON GIORNO

    sono Frederich, e saluto tutto staff di 3bm e lettori e utenza. Sono ricercatore e vivo tra Dusserdorf e piccolo paesino in montagna in Trentino A:A. Mio campo specifico è ambiente & clima e l'interagire dei 2 insiemi con l'uomo e l'uomo con loro.
    Quindi evidente che le 2 cose vanno a bracetto. C'è molta discutere su AGW e activity uomo, ma relazione è molto scarsa, ed oggi che si osserva + extreme, ce' molto parlare a seguito di questo fatto, con colpe molto evidenti che si danno ad activity umana. Ma non è cosi'. Molti decenni, gli ultimi di forte Solar Activity and
    Up Cycles us Sunspot hanno fatto crescere notevolomente tutta la temp. globale del pianeta Terra, che si è surplus riscaldato e che ora piano piano cerca di raffreddare, ma questo processo portera' inevitabile una serie di fenomenia extreme, gia' da alcuni anni in corso e ancora per altri forse 3 o 4 forse piu' o meno non dato a sapersi, proseguira', poi ci sara' un altro status differente da attuale per parte d'Europa sicuramente piu' frddo.Ma Antropic Glob w. c'entra pochissimo By continued (scusate mio italiano)

    benvenuto a Frederich ,

    Nella comunità Scientifica , il dibattito sull'entità , e cause - effetto - del raffreddamento come la P.E.G. , e successivo riscaldamento G.W. ( come anche il precedente MWP Medieval Warm period ) rimane ancora una discussione aperta con Tesi discordanti.
    Scienziati - Astrofisici , sostengono che l'attività Solare possa influenzare il cambiamento Climatico , nuovi Studi sembrano effettivamente dimostrare una forte correlazione tra macchie Solari e Mutazioni del Clima . Secondo questi Studi Studi Scientifici , si dimostrerebbe che le Variazioni dell'attività Solare in qualche modo influenzino il Clima terrestre, provocandone riscaldamenti e raffreddamenti . Studi di Esperti AstroFisici dimostrerebbero che il Sole non è mai stato cosi attivo da oltre 300 anni , come negli ultimi 60 anni , durante il XX secolo. Incrementando la Temp. MEDIA Globale
    In qualche modo influisce anche l'effetto Antropico , come le Variazioni Microclimatiche Locali di origine Antropica , il maggiore disboscamento , il Cambio Uso del Suolo , Urbanizzazione , Industrializzazione , Creazioni di dighe , bacini artificiali etc. a livello atmosferico hanno poco significato , quelle delle Emissioni , Co2 , forse è da considerare , poiche come esistono fattori riscaldanti ci sono anche di raffreddanti.



  • @Frederich:

    Si, franco molto piacere anche mio. Io lavoro Ad Accademya di scenze in Berlino, dipartmento studio di atmosfera. Circa 15 anni, ora sto in breve pausa qui in Italia

    Ehhh, Frederich….,

    allora qui in Italia sentirai molto di piu' il Gw. Ma non in senso fisico................,ma parlarne! Qui il dibattito è forte, mette tutti contro tutti.........; ma raccoglie poco......! ........>> " So gute arbeit, und schone ferien und etwas spab zu aben und sich in FORUM,auch wenne Sie nicht das Gefhul "alle ihre Entrage, manche sage ....Bullshit!
    Hello.



  • In Italia , la discussione , almeno in generale , come appare in altri lidi , e sempre AGW e G.W. chi sostiene maggiormente il contributo antropico e chi quello naturale , ma sono entrambi che hanno in qualche modo la loro importanza.

    E in questa prospettiva si taglia la graduale coscienza della Natura , intrinseca all ' Uomo , cioè la possibilita di delimitare dei confini che forse non ci sono . Non si tratta di innescare una " lotta " o porre limiti tra uomo e natura , in quanto l'uomo è egli stesso Natura .

    Alla logica della Societa Industrializzata , forse " miope " a certe necessità , oppure il contrario , ad una possibile nuova coscienza Ecologica .

    Noi ci limitiamo ad osservare la realtà , e affermare ( oltre le variabili - cicli Naturali ) anche il fattore Antropico .

    Agli inizi del 1900 , quando avere un bagno in casa era considerato un lusso per pochi e , parlare di convogliamento non commisto dei reflui in pubblica fognatura , probabilmente era pura fantascienza .

    Il passaggio da una forma di civiltà Agraria , che durava dalla ERA Neolitica - 10.000/12.000 anni fa , ad una civiltà Industrializzata come quella attuale , ( da oltre un secolo ) ,che è dipendente dai Combustibili Fossili anche per le coltivazioni , conseguente il maggior accrescimento della Popolazione e la sua concentrazione nelle Zone piu adatte allo sviluppo dell'Industria .

    Il degrado Ambientale provocato dall'attività " fisiologica " e " lavorativa " dell'uomo , può essere contenuto in limiti accettabili , se ci si attiene al concetto enunciati dai master dell'Ecologia .



  • @tony:

    In Italia , la discussione , almeno in generale , come appare in altri lidi , e sempre AGW e G.W. chi sostiene maggiormente il contributo antropico e chi quello naturale , ma sono entrambi che hanno in qualche modo la loro importanza.

    E in questa prospettiva si taglia la graduale coscienza della Natura , intrinseca all ' Uomo , cioè la possibilita di delimitare dei confini che forse non ci sono . Non si tratta di innescare una " lotta " o porre limiti tra uomo e natura , in quanto l'uomo è egli stesso Natura .

    Alla logica della Societa Industrializzata , forse " miope " a certe necessità , oppure il contrario , ad una possibile nuova coscienza Ecologica .

    Noi ci limitiamo ad osservare la realtà , e affermare ( oltre le variabili - cicli Naturali ) anche il fattore Antropico .

    Agli inizi del 1900 , quando avere un bagno in casa era considerato un lusso per pochi e , parlare di convogliamento non commisto dei reflui in pubblica fognatura , probabilmente era pura fantascienza .

    Il passaggio da una forma di civiltà Agraria , che durava dalla ERA Neolitica - 10.000/12.000 anni fa , ad una civiltà Industrializzata come quella attuale , ( da oltre un secolo ) ,che è dipendente dai Combustibili Fossili anche per le coltivazioni , conseguente il maggior accrescimento della Popolazione e la sua concentrazione nelle Zone piu adatte allo sviluppo dell'Industria .

    Il degrado Ambientale provocato dall'attività " fisiologica " e " lavorativa " dell'uomo , può essere contenuto in limiti accettabili , se ci si attiene al concetto enunciati dai master dell'Ecologia .

    Quoto anch'io



  • quoto tony assolutamente



  • Se per l'appunto hanno entrambi la loro importanza, diamogliela. Piu' visione a 360° possibile, maggiori chance di "vederci" giusto..



  • In Italia , la discussione , almeno in generale , come appare in altri lidi , e sempre AGW e G.W. chi sostiene maggiormente il contributo antropico e chi quello naturale , ma sono entrambi che hanno in qualche modo la loro importanza.

    E in questa prospettiva si taglia la graduale coscienza della Natura , intrinseca all ' Uomo , cioè la possibilita di delimitare dei confini che forse non ci sono . Non si tratta di innescare una " lotta " o porre limiti tra uomo e natura , in quanto l'uomo è egli stesso Natura .

    Alla logica della Societa Industrializzata , forse " miope " a certe necessità , oppure il contrario , ad una possibile nuova coscienza Ecologica .

    Agli inizi del 1900 , quando avere un bagno in casa era considerato un lusso per pochi e , parlare di convogliamento non commisto dei reflui in pubblica fognatura , probabilmente era pura fantascienza .

    Il passaggio da una forma di civiltà Agraria , che durava dalla ERA Neolitica - 10.000/12.000 anni fa , ad una civiltà Industrializzata come quella attuale , ( da oltre un secolo ) ,che è dipendente dai Combustibili Fossili anche per le coltivazioni , conseguente il maggior accrescimento della Popolazione e la sua concentrazione nelle Zone piu adatte allo sviluppo dell'Industria .

    Il degrado Ambientale provocato dall'attività " fisiologica " e " lavorativa " dell'uomo , può essere contenuto in limiti accettabili , se ci si attiene al concetto enunciati dai master dell'Ecologia .

    Noi ci limitiamo ad osservare la realtà , la variabilità Ciclica Climatica , come anche il fattore antropogenico .



  • Un forcing maggiore s'è aggiunto dal 1980 all'incirca in atmosfera. Ed è di contributo antropico. Ma nessun scatafascio "era" alle porte allora , e si è visto, né lo è adesso. Gli estremi piu' frequentemente registrabili, possono avere molteplici cause. Tra le quali, oltre a cio' che vedono assiduamente i sostenitori dell'antropic causam, c'è un change di regime. Oggi, con le nuove e recenti, nonché moderne tecniche di ricerca, sappiamo che questi step, portano ad un incremento degli effetti estremi. E' denominato, ri-assetto climatico.


Effettua il Log in per rispondere
 

Sembra che la tua connessione a Il Forum di 3BMeteo sia stata persa, per favore attendi mentre proviamo a riconnetterti.