Prima tendenza invernale…



  • Ci siamo come di consueto mi appresto a fare una tendenza x la prossima stagione invernale..Parto da una base che gia' si vede dalle emissioni dei run..il vp completamente destrutturato e flussi di calore che dal basso puntano il vp….gia' debole..fin dalla nascita...Dalle ultime emissioni dei run si evince l'avvento del VPS ...Lobo siberiano che comincia a gonfiarsi e scendere verso l'europa il tutto,a causa del vortice polare canadese...sottomesso e morto....ora ce anche da dire un fatto..che il nino...sembra essere neutro..quindi una stagione invernale con ENSO NEUTRO..massimo solare ai minimi termini...e QBO che quest'anno vira in negativo...mi fa presagire ad un inverno particolarmente freddo...da monitorare come sempre indici AO E NAO...Dunque ora con lo snowcover in rapido aumento decisamente meglio della passata stagione vivremo un novembre con frequenti irruzioni fredde verso l'europa probabilmente con flusso occidentalizzato x via ancora di ssta - al largo dell'atlantico...Non escludo prime nevicate a bassa quota al nord...e in appennino.....Successivamente lo svuotamento delle vorticita' canadesi con AO- ma nn troppo fara' da preludio ad un evento importante a dicembre con target adriatico e centro sud..anche x via di un consistente raffreddamento in zona ASIATICA...e quindi la nascita di nuovo dell ORSO RUSSO SIBERIANO...non vado oltre...è una semplice tendenza...x ora puo'bastare cosi..ma credo che ne avremo x tutti quest'anno..Un ultima cosa vorrei dirla occhio all'indice AMO...IN VIA DI NEUTRALITA'..cio' significa che avremo estati meno torride e inverni sempre piu'rigidi coadiuvati da un minimo solare....che si fara' strada a partire dal prossimo inverno!!!!!



  • Per il nord ovest invece come vedi la situazione?



  • Beato chi ha certezze cosi' concrete, io pero' ricordo all'uscita dello scorso "episodio invernale" ,perche' poi tutta la botta quella è stata,ricordo dicevo che marzo fu letteralm. ….opposto, nonostante le previsioni e gli scenari che lo vedevano come 2° protagonista sull'onda del freddo Febbraiolo..,da allora il freddo, è andato a "chi l'ha visto?".. o erro?

    Quindi a mio avviso come ha di recente rilasciato in un intervista un grande del passato come A. Baroni, oggi ultranovantenne e con sessant'anni e passa di carriera nel ramo, le previsioni oltre i 7/10gg. non servono, poi se uno ci si cimenta, intendeva, è quasi per hobby

    forse è per cio', che, nonostante i calcolatori d'oggi molto piu' potenti di allora, si prendono delle brutte batoste

    anche le proiezioni estive a me par di ricordare fossero ad aprile improntate ad una possib. estate.."fresca".. poi, pero'..

    che il Vp possa apparire in forma, non vuol dire che pero' "coli" da questa parte x forza; difatti ora sta sfondando in Asia -Cina e probabilm. Giapp. Potrebbe anche essere un inverno molto duro per quelle zone li'. Come capita alle estati, non sempre se si prevede una "calda" per l'emisfero settentr. ,e detto che lo sia specificam. per un settore, come si fa' a dirlo con certezza..

    io credo a sfuriate brevi, e soprat. dopo i recenti delle stagionali, propenderei per max cautela, si rischia forte qualche ..."scaccomat"...



  • andrew infatti mi sono cimentato in una tendenza analizzando indici e condizioni del Vp,comunque x sasha nord ovest lo vedo molto bene a novembre con possibile prima neve a fine mese e primi 15 giorni di gennaio



  • salve a tutti…modelli che stamane propendono x una fase tipicamente invernale con ingresso pieno dalla porta della bora del freddo da est con termiche che sul versante adriatico oscillerebbero a 850 hpa tra -5 -7 con neve fin quasi intorno alle pianure delle regioni adriatiche!....ora nei prossimi giorni ce da valutare gli aggiornamenti in essere perchè se conferma potrebbe essere davvero un evento x la fine di ottobre!!!!



  • La colata artica però sarà di brevissima durata, poi molto probabilmente tornerà l'anticiclone da ovest.



  • accidenti, stamane guardando i modelli, pare che duri tutta la settimana l'irruzzione artica e che non sia poi tanto modesta, si vedono runs molto accentuati di tutti i fenomeni, specie del vento, che a Trieste e in sardegna potra' superare i 100/120km/h…neve poi abbast. copiosa per c.nord e temperat. giu' di oltre 15°.



  • Si, probabilmente la ferita durerà parecchio, picco del maltempo e freddo previsto per domenica… L'anticiclone per fortuna non si intravede ancora... Anche se credo in una breve pausa tra il 10 e 15 novembre per un temporaneo ricompattamento del VP



  • brav sasha tra l altr0 in piem0nte neve a qu0te c0llinari…...se nn fin0 sulla citta di t0rin0,lunedi fredd0 anche al centr0 e neve appeninica int0rn0 a 1000m



  • Situazione alquanto confusa, GFS da isoterme di +5 per Cuneo nella giornata di domenica per un ingresso troppo occidentale della saccatura… Attendiamo le ultime conferme domani



  • n0 sasha…segnal0 neve nelle alture di bergam0..tra l'altr0a ria fredda entrata 0ra nel n0rd italia...d0mani si pr0pagehra' anche a tt il centr0 sud...cn cal0 termic0 neve appenninica.....0kki0 p0i int0rn0 all'8 p0ssibile nu0va staffilata fredda



  • Anche da me stamattina ha nevicato, tra le 7 e le 9, poi ancora dalle 10 a mezzogiorno con 2 gradi… Ora 3 gradi e pioviggina... Venti burrascosi da nord, proprio una giornata tipicamente invernale! In montagna è caduta tantissima neve.



  • Credo che vi sia una seria possibilita' per svariate "variabili" in gioco che da qui sino alla prossimita', a ridosso delle feste Natalizie, si verifichi una, tra le irruzzioni fredde dall'artico, con caratteristiche non molto dissimili da quelle avute il febbraio scorso, dal Burian,

    solo che questa volta le regioni magg. interessate potrebbero essere quelle di ponente il N.ovest e il meridione, nonche' le insulari,meno il medio e altoAdriatico. Un evento precoce di neve e gelo,dato da una Q.B.O. e un AMO, in primis e conseguenzialm. da un AO, che come sono in questo scorcio di stagione e per come le cose procedono, hanno tutta l'intenzione non troppo distante da una tale proiezione. Per ora è solo un approccio tendenziale, ove occorre senz'altro mantenere il monitoraggio e l'aggiornamento della situazione.
    :)



  • Domani neve sul basso Piemonte, anche 20/30 cm a Cuneo…



  • buon giorno,
    eccomi al 1 post in questo forum.
    Altri 2 indizi per un vp molto disturbato:

    1. l'indice "tridimensionale" nam che controlla la stratosfera viene visto in territorio negativo.
    2. la bdc ( brewer-dobson circulation) che tiene monitorato il movimento dell'ozono e che in regime di QBO
      orientale di norma indica un maggior afflusso di ozono verso i poli,di conseguenza, un maggior disturbo del vp.
      Un vp frammentato non è matematicamente segno di irruzioni fredde nel nostro marema è un segnale
      da monitorare.
      a presto


  • Accolgo koko e lo saluto, io sono il piu' vecchietto del forum,almeno credo….si,si lo sono...ti do il benvenuto e ti dico subito che la tua mini -disamina m'è piaciuta. Te lo dico perche' ho insegnato fis.dell'atmosf. x parecchio tempo..e quindi trovo molto buona la tua esposizione

    La BDC,è molto piu' accentuata in regime di Onde Rossby,proprio perche' nella stratosfera questa corrente trasporta l'aria (e quindi l'ozono presente) dall'equatore verso i poli (maggiorm. il P.nord) e ne aumenta la "quantita'" sino alla bassa stratosf., delle medie e superiori latitudini.
    Poi v'è un altro fattore molto importante : alle alte latitudini,per la composizione dell'aria e dell'ossigeno in partic., una molecola d'ozono

    si allunga;esso,l'ozono, viene prodotto dalla fotolisi dell'ossigeno molecolare (produc. 2 atomi d'ossigeno libero). Ora nella bassa stratosfera vi sono pochissimi atomi di ossig., perche' la maggior parte degli UV per la loro produzione è assorbita in quota, la durata qui dell'ozono è molto prolungata rispetto alle medie -basse latitudini.

    Ne consegue che la BDC a quelle latitudini accumula notevoli quantita' di ozono; poiche' le O. Rossby si propagano oltre che "modularmente" in senso vertic. ,anche in seno ad un gradiente barico, e cio' e molto influente con la BDC,perche' ne divengono una sorta di nastro trasportatore.puo' innescarsi talvolta il fenomeno denominato "breaking-wawe", ossia il rallentamento del getto polare,un riscaldamento improvviso e repentino della stratosfera, per conseguenziale intromissione d'aria tropicale verso questa regione.

    E' sufficientemente chiaro ,che l'aria, in seno o meglio in quota, sopra la regione polare essendo piu' densa, scivola non solo facilmente verso il basso ma anche repentinamente col suo carico verso latitudini inferiori, innescando un vero e proprio "disequilibrio" nella normale circolazione, che viene a creare queste irruzioni fredde che s'hanno fuori stagione talvolta. Questo è un tipo di circolazione e/ o di pattern prettamente dell'autunno- inverno, assente nel periodo estivo.(BDC).

    C'è da dire infine, che queste 2 interconnesse "onde", sono molto piu' presenti nell'emisfero settentrionale che in quello meridionale, per topografia ed maggior assenza di mari. Ne consegue un "estensione" modulare piu' veloce ed accentuata delle onde.



  • @p.franco:

    Accolgo koko e lo saluto, io sono il piu' vecchietto del forum,almeno credo….si,si lo sono...ti do il benvenuto e ti dico subito che la tua mini -disamina m'è piaciuta. Te lo dico perche' ho insegnato fis.dell'atmosf. x parecchio tempo..e quindi trovo molto buona la tua esposizione

    La BDC,è molto piu' accentuata in regime di Onde Rossby,proprio perche' nella stratosfera questa corrente trasporta l'aria (e quindi l'ozono presente) dall'equatore verso i poli (maggiorm. il P.nord) e ne aumenta la "quantita'" sino alla bassa stratosf., delle medie e superiori latitudini.
    Poi v'è un altro fattore molto importante : alle alte latitudini,per la composizione dell'aria e dell'ossigeno in partic., una molecola d'ozono

    si allunga;esso,l'ozono, viene prodotto dalla fotolisi dell'ossigeno molecolare (produc. 2 atomi d'ossigeno libero). Ora nella bassa stratosfera vi sono pochissimi atomi di ossig., perche' la maggior parte degli UV per la loro produzione è assorbita in quota, la durata qui dell'ozono è molto prolungata rispetto alle medie -basse latitudini.

    Ne consegue che la BDC a quelle latitudini accumula notevoli quantita' di ozono; poiche' le O. Rossby si propagano oltre che "modularmente" in senso vertic. ,anche in seno ad un gradiente barico, e cio' e molto influente con la BDC,perche' ne divengono una sorta di nastro trasportatore.puo' innescarsi talvolta il fenomeno denominato "breaking-wawe", ossia il rallentamento del getto polare,un riscaldamento improvviso e repentino della stratosfera, per conseguenziale intromissione d'aria tropicale verso questa regione.

    E' sufficientemente chiaro ,che l'aria, in seno o meglio in quota, sopra la regione polare essendo piu' densa, scivola non solo facilmente verso il basso ma anche repentinamente col suo carico verso latitudini inferiori, innescando un vero e proprio "disequilibrio" nella normale circolazione, che viene a creare queste irruzioni fredde che s'hanno fuori stagione talvolta. Questo è un tipo di circolazione e/ o di pattern prettamente dell'autunno- inverno, assente nel periodo estivo.(BDC).

    C'è da dire infine, che queste 2 interconnesse "onde", sono molto piu' presenti nell'emisfero settentrionale che in quello meridionale, per topografia ed maggior assenza di mari. Ne consegue un "estensione" modulare piu' veloce ed accentuata delle onde.

    salve,
    grazie per il benvenuto.. bè un giovanotto di primo pelo non sono pure io..(sono un '67).
    Come è evidente ci sono molti tasselli a favore di un inverno"vero" per noi…
    ma l'esperienza insegna cautela perchè basta un niente per mandare a monte il quadro..
    un esempio teorico: se l'anomalia negativa a ovest dell' Iberia non si va ad annullare
    molte discese fredde potrebbero finire lì.. e per noi sappiamo cosa arriva di risposta..
    questo è ovviamente un esempio..quello che intendo è che basta poco..
    a presto



  • Un'altra ondata di freddo molto probabile nella seconda metà di novembre… Mese decisamente dinamico, anche l'anticiclone non mancherà con un periodo più stabile verso metà mese... Intanto sta arrivando un'altra perturbazione, questa volta decisamente più mite con neve relegata alle alte quote (1300/1500m) e solo sull'arco alpino centro-occidentale



  • si tutt0 ver0 ci0 che avete dett0…a mi0 parere int0rn0 a meta n0vembre p0ssibile nu0va indata fredda..a tutt'0ra stabilire il target nn è p0ssibile anche se cred0 che d0vrebbe avere trAiett0ria anc0ra altina...vver0 r0dan0



  • @cristian8282mc:

    si tutt0 ver0 ci0 che avete dett0…a mi0 parere int0rn0 a meta n0vembre p0ssibile nu0va indata fredda..a tutt'0ra stabilire il target nn è p0ssibile anche se cred0 che d0vrebbe avere trAiett0ria anc0ra altina...vver0 r0dan0

    Secondo me sarà un inverno piuttosto interessante per l'Europa occidentale… Con una NAO- spesso le discese artiche/polari entrano dalla porta del Rodano...quest'anno vedo decisamente favorito il Nord Italia, anche se nel mese di dicembre credo non mancheranno occasioni neanche per centro-sud...


Effettua il Log in per rispondere
 

Sembra che la tua connessione a Il Forum di 3BMeteo sia stata persa, per favore attendi mentre proviamo a riconnetterti.