Vertice clima dell'ipcc in australia



  • Importante riunione in TASMANIA (AUSTR.) dei massimi esperti mondiali del clima, sulla devastante stagione torrida funestata da incendi ed ondate di caldo che il paese sta vivendo.

    Presieduta da RAJENDRA PACHAURI il presidente dellIPCC Governament, che ha incentrato il problema attuale dell'Austalia, includendolo nei maggiori fenomeni ESTREMI che si sono osservati nel mondo nell'ultimo periodo ventennale c.a.
    Secondo il rapporto del presidente tali fenomeni sarebbero da attribuire al processo di Riscald. Globale in atto che potrebbe portare nei prossimi anni ad un tendenziale innalzamento della temp. media globale. Tutto pubblicato anche da Meteo Web - Meteo e Scienze del cielo e della terra
    Per la faccia di chi continua a sostenere,menzognariamente, che sarebbe tutto falso e strumentale, e si starebbe addirittura andando verso ipotetici change di trend. Falsificando non solo la realta',per teorie inesatte e fantasiose ma disinformando su quello che poi realmente accade nel mondo, e quali cose s'apprestino a fare i max organi mondiali presenti nell'argomento pertinente.



  • Notizie allarmanti ma non c'è ne mai una buona nuova….accid....! Con tutte le innovazioni fatte negli ultimi decenni in termini di programmi anti inquinamento e controllo dell'emissione di Co2 non si ha quasi mai un inversione di tendenza seria.....speriamo:cool:



  • @giuliano:

    Importante riunione in TASMANIA (AUSTR.) dei massimi esperti mondiali del clima, sulla devastante stagione torrida funestata da incendi ed ondate di caldo che il paese sta vivendo.

    Presieduta da RAJENDRA PACHAURI il presidente dellIPCC Governament, che ha incentrato il problema attuale dell'Austalia, includendolo nei maggiori fenomeni ESTREMI che si sono osservati nel mondo nell'ultimo periodo ventennale c.a.
    Secondo il rapporto del presidente tali fenomeni sarebbero da attribuire al processo di Riscald. Globale in atto che potrebbe portare nei prossimi anni ad un tendenziale innalzamento della temp. media globale. Tutto pubblicato anche da Meteo Web - Meteo e Scienze del cielo e della terra
    Per la faccia di chi continua a sostenere,menzognariamente, che sarebbe tutto falso e strumentale, e si starebbe addirittura andando verso ipotetici change di trend. Falsificando non solo la realta',per teorie inesatte e fantasiose ma disinformando su quello che poi realmente accade nel mondo, e quali cose s'apprestino a fare i max organi mondiali presenti nell'argomento pertinente.

    E' un importante fase climatica quella che stiamo vivendo in questi ultimi anni, fatta di accentuazione degli estremi e di 2 stagioni che hanno maggior sopravvento sulle altre due,
    la fredda e la calda, che s'avvicendano le prime due sostanzialmente sovrapponendosi alle seconde e il piu' delle volte sconfinando ove prima alcuni decenni orsono le delimitazioni erano piu' nette e precise.

    Tutto cio', fa' si', che questi Convegni Climatici, iniziati c.a. un ventennio orsono, stilassero dei protocolli d'intesa sulle emissioni da attivita' umane e sui contenimenti limitatori a cui esse si dovevano e debbono attenere.Non sempre accade, non tutti i paesi sono virtuosi in questo. Ad es., in America ora, il presidente Obama vuol chiarire la posizione che prendera' il suo grande paese, certamente uno dei primi se non il 1° in assoluto, nelle attivita' industriali e chimiche e quindi anche in termini di responsabilita' correlate alle emissioni.
    Ma anche altri paesi della zona Asiatica,in forte espansione economica ed industriale, fanno un po' orecchie da mercante al problema per cause strettamente legate alla loro giovane espansione, che non intendono arrestare o diminuire per protocolli sul clima, la forza del danaro si sa', è un piatto insuperabile.
    Tuttavia anche a loro sono stati dati degli impositum, ai quali se non da subito, magari piu' in la' dovranno senz'altro attenersi, perche' in un mondo globalizzato sempre di piu', bisogna attenersi alle regole prima o dopo, pena l'esclusione dai mercati o una vero e proprio embargo cui stanno pensando gli enti preposti verso tali Nazioni.

    Detto cio', per rifare al tema di giuliano, che senz'altro è attuale e presente, bisogna pur dire pero' che non tutto il male che c'è nel clima odierno è attendibilmente attestabile all'attivita' dell'uomo. Con tale affermazione si vuol far intendere che le parti sono a mio avviso divisibili per percentuali.

    Non mi sento di quantificarle, perche' non ho la presunzione d'arrivare a tanto, ci sono illustrissimi cervelli all'opera nel pianeta adibiti a farlo.
    La scienza climatica essendo materia tra le piu' complesse al mondo, ha bisogno come tutte le scienze difficili di maggior tempo per essere esplorata.
    E per avere i migliori risultati, è meglio prendersi piu' tempo. In tutte le attivita'.

    Per cui, senz'altro è condivisibile l'allarme e l'informazione sulla tematica, specie allorche' si notano maggiori incrementi nel clima dei fenomeni estremi,
    non del tutto pero' soltanto riconducibili all'attivita' umana ma condivisi con parte di quella naturale del sistema climatico del pianeta.

    Certo, il ritorno ad un clima di centinaia e centinaia d'anni orsono appare improbabile visto che sin dalle elmentari nozioni di chi s'affaccia per la prima volta alla materia, apprende che il clima di migliaia d'anni orsono era determinato da condizioni che ora non esistono piu' quali,
    la deriva dei continenti l'espansione e/o talvolta riduzione degli Oceani, e in modo particolare la notevole attivita' vulcanica x raffreddamento che v'era in corso, con migliaia di eruttazioni e l'atmosfera molto offuscata e densa, che non lasciava neppure spazio ai raggi solari.Oggi la situazione è completamente diversa, non piu' riproducibile.
    Per quel che concerne il clima degli ultimi secoli,molto s'apprende dai dati lasciati, qulvolta non sempre esatti, si sa', ogni secolo ha la sua modernita' e conoscenza, molto dai carotaggi, e si puo' definire un quadro per avere un resoconto del passato meno remoto.

    i cambiamenti ci sono e sono visibili, che sostiene di non vederli, ha problemi ..di vista.., ma quanto di origine naturale e quanto d'antropico,
    ancora non si è in grado di sostenerlo. E' per questo che si ricorre alla prevenzione. Ed è questo quel che questi Enti son preposti a fare.


Effettua il Log in per rispondere
 

Sembra che la tua connessione a Il Forum di 3BMeteo sia stata persa, per favore attendi mentre proviamo a riconnetterti.