Riscald. Stratosf.,non sempre index di gelo.



  • C'è un gran "brusìo" in giro per lidi + o - autorevoli e conosciuti, su quest'eventualita' che si paventerebbe da mezza mesata in su' di qualcosa d'epocale e di straordinario,
    in termini di gelo e di innevate a causa di un Vortex Polaris che starebbe per crollare giu'…..,

    ma attenzione -: non sempre il riscaldamento in sede stratosferica è origine MATEMATICA di "colate gelide" & Co.

    direi di vedere cos'è uno STRATWARMING e le sue possibili conseguenze,nonche' scenari fattibili ad un simil pattern..

    perche' in molti si sparano paroloni ad effect, ma poco o nulla sanno cio' di cui stanno discutendo, e poi vi sono i soliti "idioti" del sensazionalismo...,

    ANZI NO! non faro' didattica perche' non m'ero accorto che l'ha fatta BENISSIMO F. NUCERA il 31 scorso, e quindi per non essere mancante di rispetto ad un collega,

    non mi pare il caso, semmai daro' solo una mia piccola interpretazione sul FATTO e sui possibili scenari, COMMENTO LIBERO SOLO SULL'EVOLUZIONE che personalmente si vede....,

    bene, vorrei accennare al perche' sostenevo NON E' MATEMATICA sicura, gli SCENARI sono molteplici e

    a mio avviso le FORZANTI in causa ,special modo, in questo periodo, MOLTISSIME:::: una QBO in translazione, L'indice SCAND (probabilm. +), la NAM positiva anch'essa, sarebbero in grado ad oggi, d'offrirci il tanto paventato scenario ma

    le VARIABILI ci sono e giocano ruoli importanti,non da 2o piano anch'esse....,INNANZITUTTO, in caso di SFALDAMENTO DEL VP,
    LE TRAIETTORIE DI EVENTUALI "LOBI" negli SPLIT che si verificherebbero..., non ci sono autostrde spianate verso il Mediterraneo e L'ITALIA, questo è sufficientemente chiaro,no?... ma vi è anche la possibilita' che il riscaldamento o StrWar non si estenda a tutte le quote, impedito da forti correnti "trasversali" e non di moto convettivo, ossia di GRADIENTE VERTICALE, che ne impedirebbero almeno in parte il completo "disegno" di riscaldare in modo UNIFORME il VP, ma solo ad es. da 1 a 10 hpa, il restante POTREBBE essere RIASSORBITO da succitati effetti...., è questa è una delle ipotesi...

    Nell'ipotesi contraria viceversa, quella dell'avvicendarsi del "fatto" e quindi di uno STOP al VP, si potrebbe concretizzare

    un evento importante a patto del rispetto delle condizioni su prima elencate, e quindi potremo assistere a 2 o piu' RAMI del Polo,
    CALARSI GIU' x l'emisfero e sicuramente UNO DI ESSI andrebbe ad interessare la regione SIBERIANA-RUSSO, e in tal caso le possibilita' d'eventi freddo- gelidi si allargano di molto,

    ma anche in tal scenario, non è dato per certo, l'interessamento diretto del ns. paese; bisogna dirlo,senno' pare di sparare nel vuoto

    ma sara' necessario, vedere che pattern vi sia al momento sul vicino Atlantico, e quale intercorra sempre nello stesso tempo qui da noi in campo euro-mediterr. Non che un forte FORCING come quello del 2o caso non avrebbe la forza a penetrare in sede mediterranea ma

    e pur sempre vero che talvolta vi sono dei factor di blocco o pattern zonali, che ne respingono o ne CAMBIANO la traiettoria, non è accaduto solo una volta...

    quindi come s'evince, per la realizzazione di tali scenari, i ruoli in gioco sono variabili non fisse e determinabili, se non a poca distanza temporale, per cui in attesa possiamo solo seguirne le ..."parabole".



  • @p.franco:

    C'è un gran "brusìo" in giro per lidi + o - autorevoli e conosciuti, su quest'eventualita' che si paventerebbe da mezza mesata in su' di qualcosa d'epocale e di straordinario,
    in termini di gelo e di innevate a causa di un Vortex Polaris che starebbe per crollare giu'…..,

    ma attenzione -: non sempre il riscaldamento in sede stratosferica è origine MATEMATICA di "colate gelide" & Co.

    direi di vedere cos'è uno STRATWARMING e le sue possibili conseguenze,nonche' scenari fattibili ad un simil pattern..

    perche' in molti si sparano paroloni ad effect, ma poco o nulla sanno cio' di cui stanno discutendo, e poi vi sono i soliti "idioti" del sensazionalismo...,

    ANZI NO! non faro' didattica perche' non m'ero accorto che l'ha fatta BENISSIMO F. NUCERA il 31 scorso, e quindi per non essere mancante di rispetto ad un collega,

    non mi pare il caso, semmai daro' solo una mia piccola interpretazione sul FATTO e sui possibili scenari, COMMENTO LIBERO SOLO SULL'EVOLUZIONE che personalmente si vede....,

    bene, vorrei accennare al perche' sostenevo NON E' MATEMATICA sicura, gli SCENARI sono molteplici e

    a mio avviso le FORZANTI in causa ,special modo, in questo periodo, MOLTISSIME:::: una QBO in translazione, L'indice SCAND (probabilm. +), la NAM positiva anch'essa, sarebbero in grado ad oggi, d'offrirci il tanto paventato scenario ma

    le VARIABILI ci sono e giocano ruoli importanti,non da 2o piano anch'esse....,INNANZITUTTO, in caso di SFALDAMENTO DEL VP,
    LE TRAIETTORIE DI EVENTUALI "LOBI" negli SPLIT che si verificherebbero..., non ci sono autostrde spianate verso il Mediterraneo e L'ITALIA, questo è sufficientemente chiaro,no?... ma vi è anche la possibilita' che il riscaldamento o StrWar non si estenda a tutte le quote, impedito da forti correnti "trasversali" e non di moto convettivo, ossia di GRADIENTE VERTICALE, che ne impedirebbero almeno in parte il completo "disegno" di riscaldare in modo UNIFORME il VP, ma solo ad es. da 1 a 10 hpa, il restante POTREBBE essere RIASSORBITO da succitati effetti...., è questa è una delle ipotesi...

    Nell'ipotesi contraria viceversa, quella dell'avvicendarsi del "fatto" e quindi di uno STOP al VP, si potrebbe concretizzare

    un evento importante a patto del rispetto delle condizioni su prima elencate, e quindi potremo assistere a 2 o piu' RAMI del Polo,
    CALARSI GIU' x l'emisfero e sicuramente UNO DI ESSI andrebbe ad interessare la regione SIBERIANA-RUSSO, e in tal caso le possibilita' d'eventi freddo- gelidi si allargano di molto,

    ma anche in tal scenario, non è dato per certo, l'interessamento diretto del ns. paese; bisogna dirlo,senno' pare di sparare nel vuoto

    ma sara' necessario, vedere che pattern vi sia al momento sul vicino Atlantico, e quale intercorra sempre nello stesso tempo qui da noi in campo euro-mediterr. Non che un forte FORCING come quello del 2o caso non avrebbe la forza a penetrare in sede mediterranea ma

    e pur sempre vero che talvolta vi sono dei factor di blocco o pattern zonali, che ne respingono o ne CAMBIANO la traiettoria, non è accaduto solo una volta...

    quindi come s'evince, per la realizzazione di tali scenari, i ruoli in gioco sono variabili non fisse e determinabili, se non a poca distanza temporale, per cui in attesa possiamo solo seguirne le ..."parabole".

    Uno scenario descritto per tempo che inquadra bene l'attuale situazione. E l'argomento postato, che suggerisce di non attendersi almeno nell'immediato forti avvezzioni fredde, tipo febbr. 12' per il Mediter., sì è rivelato preciso come sempre,

    grazie al suo intervento e a quello di meteorologi competenti. Ci si puo' complimentare ma è superfluo.


Effettua il Log in per rispondere
 

Sembra che la tua connessione a Il Forum di 3BMeteo sia stata persa, per favore attendi mentre proviamo a riconnetterti.