Gli equilibri climatici



  • Da qualunque parte del pianeta si osserva la continua crescita di conoscenza sull'argomento clima e equilibrio dell'ecosistema "Terra",che nei secoli a causa dei piu' svariati motivi non è mai restato uguale a se stesso ed è in continuo mutamento come del resto tutto il cosmo, il vicino universo il nostro sistema solare, lo è, da sempre
    Solo la vita umana è troppo corta rispetto a tale sistema per coglierne con cognizione i cambiamenti,fisici, per quel che conosciamo, non del tutto tali o non annoverabili in una fisica a noi conosciuta sinora, per quelli che apprezziamo, vista la nostra tecnologia raggiunta ma che non possiamo del tutto o solo in parte spiegare

    Piu' vicino a noi, del resto del ns. sistema, c'è il nostro pianeta e il suo sistema di equilibri interni, dall'atmosfera ai mari, dalla presenza umana e dal suo interferire con tale sistema,minima parte che sia ma pur sempre una presenza "esterna" se si considera la nascita del pianeta stesso e i milioni d'anni che dividono la comparsa dell'uomo ad una vita della Terra senza e bisogna convincersi che cosi' tornera' un giorno,questo sistema, con la sola natura e senza di noi

    Quindi,questo equilibrio, riferito al clima terrestre qual'era..com'era? Mai lo stesso, questo è sicuro, senza e con la presenza umana

    fattori esterni, come grandi meteoriti e corpi celesti hanno in passato colpito il nostro pianeta,tanto da far supporre la scomparsa dei dinosauri
    ma anche tanto da farlo probabilmente con causa effetto,non solo dell'impatto, ma d'un cambiamento proprio dell'equilibrio climatico

    cosi' come per tutte le maggiori ere in cui si sono registrati glaciazioni piu' o meno intense o mutamenti vari per poi pero' tornare ad uno stadio di relativa "calma" come quello attuale

    La domanda del nostro presente ma del futuro prossimo è quella di capire cosa e come potranno questi equilibri spostarsi in un senso o in un altro, come si è visto anche a causa di "elementi esterni" che possono inficiare e modificare come s'è visto e come è stato molte volte riportato il sistema d'equilibrio del clima terrestre

    Il clima da milioni d'anni non è, e non poteva esserlo, mai uguale a se stesso e la Terra con questo suo sistema complesso è difficile da decifrare e lo studio è l'unica metodologia che ci ha condotto alla conoscenza odierna

    la nostra conoscenza pero', non è ancora in grado di controllare in modo soddisfacente le leggi della natura ed i suoi "equilibri", per cui c'è molto da fare ancora

    su questo post,cerchiamo di vedere alcuni dei moltecipli aspetti di questo studio, per osservare come evolve lo stadio degli equilibri del clima e poterne cogliere l'aspetto possibilm. per tempo, in modo da diminuirne gli effetti se in danno,ed acuirne se carenti.



  • A proposito di equilibri, gia' sull'altro post ho fatto questa domanda in risposta ad una possibile prev. estiva,

    e provo a rifare il quesito a lei,prof. per saperne il suo pensiero -: ma, l'alta azzorriana, chiaro che oramai ha perso la sua presenza sul ns. bacino da anni,

    ma come mai il piu' delle volte staziona molto piu' a Nord, per esser precisi, tra il 50° e il 60° parall., e non tra il 35° e 40° come dovrebbe e com'era soprat.,

    altrimenti non la chiameremo piu' tale, ma Alta delle Far Oer o Ebridi, che senso avrebbe rimanere tale nome se la'….........non ci sarebbe piu'?!

    E quindi,==: è un altro "equilibrio " +o- spostato, diciamo?? (ma secondo me ce ne sarebbero anche altri...ma proced. 1 x volta..)

    tanto da far aver sempre piu' invasivo l'Hp africano..? Certo so' che concorrono pure altri motivi ad una maggior invasivita' dell afro ma, se fosse una presenza dell'hp azzorriano, staremmo il piu' delle volte a parlar di clima mite ,forse un po' siccitoso, ma nulla di che, voglio dire di cosi' "eclatante"...

    ma qui, ogni qualvolta se ne presenti l'occasione, a momenti senza neppur guardare in che periodo siamo....booommm! e ci ritroviamo a 30°-32° in fine aprile o maggio e meno male,ma poteva essere (ma lo sara' in futuro prox.,con sempre maggior presenza..) marzo pure,

    la maggior presenza dell'Hp afro, è fatto conclamato oramai da oltre un decennio...basta a dimostrare lo "spezzarsi" d'un equilibrio..?

    questa la domanda che mi pongo e che giro anche a lei ( o a te se pref.) visto l'argomento tracciato, mi pare d'attinenza..
    saluto



  • Le figure bariche stazionarie che conosciamo come l'alta delle Azzorre ma anche le basse permanenti come il vortice Islandese o l'alta Russo Siberiana, siamo abituati a vederle e a conoscerle come strutture quasi immobili in realta' non è proprio cosi',
    esse hanno seppur limitati dei movimenti, delle escursioni a seconda degli indici del periodo preso in esame.

    Degli indici teleconvettivi, e nel caso specifico, della NAO e dell' AO, che non possono destrutturare tale figura ma possono farle assumere una posizione anomala se vogliamo e/o decentrata o dei fenomeni come la Nina o il Nino,che negli ultimi anni, nonche' quest'ultimi siano dell'Oceano Pacifico, si è avuta prova che interagiscono con l'emisfero Boreale e in particolare il comparto Europeo.

    Altre interazioni si hanno con i venti periodici della porzione tropicale, che come abbiamo piu' volte visto possono spostare quella linea d'intersezione sub-trop. denominata ITCZ e si è visto che essa è responsabile di risalita d'aria calda dal N. Africa, se la porzione interessata è quella di zona sub Sahariana.

    Forse è proprio quest'ultima osservazione ad essere la causa maggiore di risalite afro nel Mediterraneo,tant'è che la sua osservazione,dell'ITCZ appunto, è molto monitorata per aver una proiezione della stagione calda e non solo.

    E' un equilibrio cambiato? Se ne studia la possibilita', certo è che incontrovertibilmente, la presenza dell'alta Africana ha quadruplicato negli ultimi vent'anni la sua presenza, anche se era presente pure prima, con meno invadenza ma c'era;

    giuliano asserisce di vederla piu' in alto, in termini di latitudine, io trovo talvolta che stia, diciamo, piu' al largo, e che molte volte "allarghi" la sua presenza con contributo dell'africano, venendo denominata, quando avviene, "mista" o appunto ""afro-azzorriana"",
    infatti in fase d'espansione dapprima passa per Magreb ed Algeria e poi risale dal Mediterr. occidentale.

    Tutti gli indici indicati,come per le piu' svariate cause, sono regolati da fasi di temper. dei mari in questione e di tutti gli Oceani in genere,delle correnti di superfice, e a queste cause concorrono direi anche le SST o ad esempio in corso,anche la corrente del Golfo,che negli ultimi tempi pare avesse deviato il suo "flusso" piu' a largo e piu' a Nord, della sua solita traiettoria.

    Ed il mare,non scordandocelo, è "scaldato" dall'attivita' del Sole, che con contributo notevole muove tali indici e puo' far avere diverse connotazioni a tali strutture.

    Percio', aprendo quest'argomento ho voluto trattare questi equilibri,per vederne gli spostamenti e l'assestamento che poi ci forniranno il quadro per prevedere il meteo, ma direi sempre di piu' il clima nel suo tot.



  • bel tema devo dire questo Prof.,perche ' in un recente studio che ho condotto a Boston se ne è discusso e l'argomento da quel che ho capito assume da quelle parti un importanza prioritaria, tant'è che son intervenuti allo stage cui ho partecipato, anche membri dell'IPCC.

    Il suo vice presid. Robert Watson, ha espresso diversi concetti e alcune teorie sul tema, ma quel che ho appreso e che non conoscevo, e che l'ente L'IPCC un ente governativo, non fa ricerca da se', non opera nessun monitoraggio, si affida solo a relazioni dalle migliori fonti scientifiche per stilare poi le sue conclusioni,

    in verita', c'ho notato pure un pizzico "d'ambintalismo" di troppo, una sorta di WWF del clima, senza offendere nessun ente, ma si sa' gli animali indifesi han bisogno di protezioni,
    io non credo pero' alla teoria del warm e del serra cosi' elevato, penso e mi son convinto che molto sia stato strumentalizz. e alterato a scopi precisi.

    Detto cio', mi meravigliavo dell'unica raccolta dati che l'Ente fa', seppur precisi ed affidabili quanto si vuole ma stare sul campo personalm. è tutt'altra cosa,
    non so' se condivide..
    cosi', è un po' …"il copia e incolla"...o no?

    poi in 2a= anch'io concordo sull'osserv. di giuliano, sul "decentramento" dell'hp azzorr., trovo meno la sua presenza, pare pure al sottoscr. un "equilibrio spezzato" cosi' come le fasi alterne fatte di forte escursione che viviamo...
    insomma guardando non è che poi si possa dar molto torto a chi ci fa' notare l'escursione term. di 12/15° c.,nel gro di sole 72ore...

    lei,in termini d'equilibri, ritiene che sian sempre avvenuti? ma, intendo, con queste stesse identiche "modalita'"? cioè di gran sbalzi termici in tempi ravvicinati (tipo 48-72ore etc.) molti "Maggio" son cosi'? come gli Aprile 2011? come marzo di quest'anno...?
    all'uscita poi, d'un gran gelo, quando ognuno e significa "tutti"...s'aspettavano un marzo sulla falsa riga del freddo, con ritornanti varie, (ci son gli artic.,...) e forse chissa', alcuni decenni fa', s'avrebbe avuto un marzo che non avesse tradito....in che modo poi..

    son equilibri, a suo vedere o è sempre stato su "quest'equilibrio qui?" io, non credo..penso che il clima ha diverse fasi, e l'ho appreso anche ora negli states dove ho approfon. questo tema, e debbo dire che li' la gente, i media, hanno molta piu' conoscenza di noi in fatto di clima e meteo,proprio interesse magg.

    attendo il suo pensiero al riguardo saluti



  • Ahhh, bene studioso d'oltr'Oceano a quel che vedo…bene,

    dunque, dell'IPCC nemmeno io sapevo che prendesse solo dati....ricavati,non è un demerito ma insomma concordo sul fatto che se uno se li fa' da se manco è peggio..

    detto questo, in piu' persone m'è capitato chiedermi se un ente sia diciam...."super-partes".. nelle analisi ,nella stesura di rapporti, nel diramo dei dati...

    e........bohhh..! io credo che da sempre ci sia il proprio mulino o le strumentalizzazioni tra e nei vari enti, poi, + o - serieta', ma di quest'ultima dobbiamo accorgecene noi, essere attenti a non farci "imbalsamare" da congetture e falsi proclami

    non credo pero', che un ente come L'IPCC, governativo,poi, ed anche di certa autorevolezza, sia tra quelli indicati ad esempio; e lo asserisco in base al suo comportamento in tanti anni,in cui, non ha per la verita', sforato tanto, nel confuto dei dati che ho potuto apprezzare.

    Mi par d'aver notato tempestivita' e imparzialita', quanto basti, ed anche una certa prontezza nell'esponere dati nuovi e disaminarne i contenuti,poi che lo faccia su basi scientifiche ,non ne faccio personalmente una gran colpa, basta che le fonti siano appunto autorevoli serie e competenti ,nonche' oramai riconosciute dal campo scientifico.

    Sull'altra questione, dell'hp Azzorr. ho avuto modo se hai seguito di rispondere precedentem., quindi vale lo stesso pensiero..

    se sia normale o meno fattori come la "squallid line" cosi' l'ho denominata..,eheehh..: vecchio,anzi antico problema ormai..

    di sicuro,gli sbalzi termici ci son sempre stati,la frequenza è allo studio di questo decennio che sta per concludesi o meglio trattasi d'un ulterire aggiornam. di dati al riguardo (periodo 2002-2012) quindi si puo' attendere fine d'anno per saper di incrementi o diminuz. (penso-aum.)..

    Oltre oceano hanno piu' dimestichezza di noi, in meteo-clima? ma pure in Inghilterra ce l'hanno, in Germania e in Francia ma credo anche Spagna etc.,non è che bisogna andar nell'emisfero opposto per trovarne, questo fa' parte di cultura...difficile da radicare,
    li',non s'apre solo al mattino la finestra per vedere che meteo faccia...no,no, la si programma, si monitora e poi s'esce..se uno va a Londra, potra' capitare di veder un "man" con l'ombrello in mano, anche se di mattino c'è il sole......xcheè quello gia' sa' che poi, al pomeriggio piovera',,,s'è informato prima...

    la questione del cambio di equilibri, concludendo, è fatta di analisi e di confronto di dati del passato piu' lontano e meno,del raffronto di essi e qui si' che la statistica, di riporto esatta pero', deve darci man forte, per vedere appunto se questi disequilibri o nuovi equilib.come dir si voglia, ci conducano o meglio assestino il clima in fasi diverse da quelle odierne, come ha sempre fatto il clima nel corso dei sec. e dei millenni.

    Allora guardiamo a tre cose in scala "gerarchica" direi :-

    1°- l'attivita' solare,il suo ciclo come evolve;

    2°- i risvolti sugli indici tele convettivi;

    3°- gli indici e gli effeti su atmosfera e mari;

    l'inquinamento e gli effetti antropici, per il sottoscritto hanno un importanza si', ma dopo queste tre cose, la loro "incidenza" è minoritaria sul sistema da quel che è emerso sinora e da quel che c'è di scientifico "puro" e "illibato" sul tavolo.



  • Aspetto con ansia la trattazione di questi argomenti;)
    Per quanto rigurda la meteorologia in Italia….Secondo me in Italia abbiamo esperti di meteo e di clima molto competenti però il fatto che non esista un albo professionale porta molti ciarlatani ad occuparsi di questi argomenti senza avere basi per farlo....
    Poi in Italia sappiamo tutti come funziona, ottiene successo chi "urla" e la spara più grosse e così facendo la frittata è fatta:D
    Poi un altro motivo è che alla maggior parte delle persone non importa sapere il perchè piove o perche fa caldo ecc..., ma è interessata solo a sapere se domani dovrà uscire con l' ombrello o se potrà stendere i panni; questo ha come conseguenza il ricolo spazio che viene dato alla meteorologia in televisione...
    Ciao!



  • Perfetta esposizione trovo sig.franco, da me ,in senso per mia parte avra' grosso consenso un argomento in cui trovo l'interesse sia un tot sottovalutato o forse proprio non trattato,sa' comè, chi caldofilo,chi freddofilo,….meglio lasciar tutto cosi'....

    ma invece colui che ha nel tempo approfondito e tuttora perfeziona sempre i suoi studi,si tiene aggiorna to e sopratutto ha la mente "sgombra" da questi condizionamenti,che poi divengono quasi "incoscienti"secondo me,non ne hanno piu' neppure consapevolezza o quando ne hanno è chiara la malafede,perchè, se uno diviene cosi', tutt'è tranne che uno studioso di clima e/o appass., ma lo si chiama...."negazionista"...

    io in lei intravedo l'obbiettivita',conoscenza centralita' degli argomenti, e non per lusingarla,non ne ha bisogno ma fa' piacere parlare con persone cosi',confrontarsi ed esprimere pareri, che poi possono contrastarsi,perche' no, ma nel rispetto del dialogo o seppur vi sia,contrasto ,sia relegato prettamente all'argomento,ma ripeto, le persone "obbiettive",difficilm. ne hanno..

    Scusi,chiusa parentesi, da prima che stessi via per l'estero, quindi dal 20 di marzo,che si ricorera' era bel tempo e mite,almeno per 3/4 d'Italia, che "mi" ritrovo a seguire una altalenante fase sul Mediterr. come questa ancora in atto, un su' e giu', oserei "vertiginoso", che ho visto anche lei definire ...mica male.."", con sbalzi molto accentuati, di cui quasi quasi,sembra che me ne accorga solo io....e forse lei e qualcun'altro forse..

    sa',in molti definiscono sempre tutto nella "perfetta norma",,molti altri sembran dire....eeehh si' vabbe'..un onda calda e poi una...fredda...a seguitar...(mentre gia' sappiamo d'esser alla 3a o 4a anomalia dalla fine del Febbraioche abbiam vissuto, con Marzo tiepido che nessuno s'aspettava....con Aprile poi sottomedia e piovoso...con fine ad episodio caldo e preludio d'episodio nuovo che questo odierno e poi sappiamo da domenica cosa accadra', e sara' tutto sempre a norma, special modo per chi non ha un gran senso d'obbiettivita'...

    io, invece, che non lo vedo ne' con l'occhio da caldofilo ne' tantomeno con quello del freddofilo,perchè non m'interessa,
    credo nell'argomento, perche' ho compreso che il >CLIMA< E', un sistema in movimento, un insieme di FISICA, e quanto mai la fisica è stata immobile,impossibile il solo concetto, figurarsi poi se è aggregata, inimmaginabile proprio....

    quindi so' che trattasi di elemento mutabile nel tempo e probabilm. nella sua costituzione, lei da fisico potra' correggermi event., ma non credo che molte migliaia d'anni orsono il clima fosse uguale ad oggi,no?..

    per cui, ne' Sole, ne' Mari, ne' Atmosfera, alla fine resteranno tali per sempre, bastera' che uno di questi <<fattori>> cambi un po', per aver grossi risultati qui, a chi c'ha i piedi su questo pianeta, e cio' basti a far dire ed asserire, che non trattasi di sistema fisso e immutabile,
    come tutto il cosmo non lo è, basterebbe capire questo...

    cosi', tornando agli equilibri odierni, io mi riferivo al fatto che, di gran equilibrio in quest'ultimi tempi, nonche' si sussurri da piu' parti, ma son sempre i "schierati" a parlar,ci faccia caso..,chi non lo sia, l'interrogativo se lo pone eccome,tanto poi, che gli costa,giusto?..
    dicevo di equilib., non ne vedo, ma anzi,
    vedo gran casino e quindi sottoscrivo quest'argomento per questa ragione, per vedere appunto, da studioso, quando e se ce ne fosse, vi sara' l'opportunita' di uscirne,verso una fase piu' "omogenea" direi,normale non mi pare il giusto termine...

    si procede prof.,di 10/15gg. alla volta ,con veri sbalzi come questo di domenica ,che ci riporta indietro di 12° almeno,dopo punte di 32° ma la cosa strabiliante in sole 24ore, e cosi' saranno probabilm. anche delle pross. , nel giro di poche ore, grandi sbalzi tipo questi..
    i mesi trascorrono e vi sono alternanze "inconsuete" con mesi "caldi" che son freddi e viceversa, come lo scorso luglio in cui in molti, e lo so' per diretta testimonianza, dovettero accendere le...."stufe"..!!

    gli anni trascorrono, e forse molti s'abituano,molti hanno scopi.....ehmm,gia' prima descritti....invece io le chiedo, d'affrontare questo tema ed anzi ringrazio perche' l'abbia aperto,conducendo, chi ne fosse interessato, a conoscenza sempre piu addentrata e diretta nonche' "imparziale"

    e quindi concludo con il quesito :-- di equilibri climatici si parla, ma noi siamo in una fase tale, o disequilibrata e forse di nuova via d'assesto, per cui si vive un po' tutto cio' che vediamo??saluto

    ;)</fattori>



  • Ringrazio per i complimenti,
    ho voluto trattare con questo post l'argomento delicato dell'equilibrio climatico, in una fase che mi pare delicata anch'essa,dettata in maggior espressione da un attivita' solare "insolita ed anomala" e poichè per il sottoscritto ma non solo, molto se non tutto, dipende da tale indice, pare fondamentale anche per eventuali sviluppi, sull'equilibrio del sistema clima dei prox. mesi ed anni probabilmente.

    Quello che s'osserva alla data odierna, questo andamento intendo cosi' altalenante, non è indice ancora mi sento di dire, d'una chiara "esposizione" di tutto il sistema verso equilibrio diverso, la satgione in corso, ha avuto spessisimo molteplici "facce" anche nel recente passato, quindi non meraviglia molto, le temp. con i loro sbalzi, sono la principale caratteristica di questi periodi,

    cosi' come i forti temporali, grandinigeni a volte e tutta la fenomenologia atmosf. che in sede di forte instabilita' per il passaggio da stag. ad un altra, si manifesta con intensita'.

    Gli index.,invece, specie quelli pluriannuali, e il monitor. dell'attivita' solare, assumono aspetto assai piu' rilevante, per l'osservazione del mutare possibile degli equilibri, ma occorre del tempo ed è quello che ho iniziato a fare, quindi direi che un primo piccolo assaggio, si potra' darlo verso fine anno in corso

    Non che non aggiorni,ci mancherebbe, anzi l'analisi su queste righe sara' costante e tempestiva, cosicchè, si potra' avere sempre un quadro del complesso della situazione, un monitorare continuo, ma per i primi "rapporti" bisognera' attendere quel tempo prima citato, e il clima stesso che lo impone.

    Non dimentichiamo,pero' che si chiamano appunto "Equilibri"….,perchè camminano su di un ......filo.... e quindi come lo stesso termine lascia intuire,

    posson cadere da un lato o.......dall'altro! E noi, dobbiam vedere appunto questo...o se restan in piedi, su quest'equilibrio appunto..



  • Alcuni satelliti, preposti al caso, hanno rilevato tra le altre cose, alcune anomalie di circolazione nelle correnti artiche che rivestono un ruolo importante nello scacchiere degli equilibri non solo planetari, ma principalmente dell'nostro emisfero e chiaramente dell'Europa, vista la vicinanza del Continente al settore in questione.

    Una di queste correnti in particolare la Beaufort-Gyre,corrente appunto dell'Oceano artico, ha modificato la sua principale traiettoria ed essendo ritenuta un autentico "volano" nel meccanismo di questi "Nastri trasportatori", viene monitorata costantemente, con il programma B.G. Exploration Project, che ha messo in evidenza tale fatto,effettuando periodici ricognizioni e monitorando queste correnti sin dal 2004

    Questa corrente, la B.G., è ritenuta insieme alla C.d.G., una delle piu' importanti nel nostri Oceani, per l'equilibrio del sistema clima nel ns. emisfero per cui le variazioni assumono gran rilievo nelle proiezioni di futuri scenari, per l'attestazione di eventuali previsioni climatiche

    Sole, ghiacci, atmosfera ed Oceani, sono gli elementi che interagiscono tra di loro determinando la stabilita' e l'EQUILBRIO del sistema climatico, a livello locale e planetario, quindi lo scopo del monitoraggio di tali correnti, è simile a quello degli indici Teleconvettivi,

    per notare, se dovesse innescarsi un effetto a catena, che indubbiamente potrebbe essere innescato da una variabile di uno di questi elementi e vedere a quali conseguenze possa portare il clima a breve scadenza o media che sia, e a livello locale ma conseguentemente pure a quello globale.

    L'ultima nota, si riferisce al fatto che ci si ricordi che, una tale corrente come la Beauty-Gyre, è in grado di modificare l'assetto di Anticicloni permanenti, come quello Russo Siber., cosi' come probabilm., gia' in un recente passato la modifica di traiettoria della C.d.G., ha modificato l'assetto dell'Antic. delle Azzorre.



  • Mi sono un po' informato sulla corrente di Beaufort-Gyre e avrei una domanda….
    E' possibile che questa modificazione di traettoria della Beaufort-Gyre vada a modificare anche la corrente del Golfo??
    Perchè ho letto in articolo sul web (non so quanto affidabile) che l' acqua fredda e meno salina della B-G potrebbe riversarsi nella corrente del Golfo provocandone un forte rallentamento....
    E' un' ipotesi concreta o fantascienza?
    Poi per chi non sapesse dell esistenza della corrente di Beaufort-Gyre (come me) posto questo articolo di Focus...

    http://it.notizie.yahoo.com/blog/focus/non-tutta-l-acqua-di-mare-%C3%A8-salata-074109689.html

    OT belle le nuove faccine….:rolleyes:;):):p



  • Che onore… Le nostre discussioni vengono riprese e messe sul sito di 3Bmeteo;)

    Anomalie delle corrent artiche: quali conseguenze? | 3B Meteo

    Prof, si faccia pagare:D:D



  • @caravaggio90:

    Che onore… Le nostre discussioni vengono riprese e messe sul sito di 3Bmeteo;)

    Anomalie delle corrent artiche: quali conseguenze? | 3B Meteo

    Prof, si faccia pagare:D:D

    è una notizia che ho ripreso da nature il cui testo l'ho comprato
    http://www.nature.com/ngeo/journal/v5/n3/full/ngeo1379.html



  • @fnucera3bmeteo:

    è una notizia che ho ripreso da nature il cui testo l'ho comprato
    http://www.nature.com/ngeo/journal/v5/n3/full/ngeo1379.html

    L'intento prioritario che mi sta a cuore,ma credo stia a molti studiosi di quest'argomento, è quello della divulgazione dell'informazione corretta ma nel mio specifico, di destar l'attenzione su possibilita' di fatti che possono concretizzarsi sul e nel tema "clima", oltre che affascinante argomento, credo d'utilita' significativa per le attivita' e la vita dell'uomo.

    E' chiaro che il cogliere per tempo o addirittura, quando possibile prevedere, nell'ambito climatico "variazioni" e/o "disequilibri" piu' o meno dovuti a fattori naturali, ci aiutano notevolmente a pianificare il ns. futuro e a comprendere che tipo di tempo ci aspetti.

    Ed è quello che con modestia, potrei sbagliarmi senz'altro, ma mi pare dall'esperienza sin qui acquisita che effettivamente "qualcosa" vi sia, tento di fare, studiando queste fasi che attraversiamo con molteplici fattori che a quanto pare, sembra stiano giocando in uno scacchiere per vedere chi ne esca vincitore e possa determinare un quadro, forse o molto probabilm. diverso dall'attuale

    Piu' freddo…? Da molte parti oramai si sente dire tale, da un po' di tempo pure..

    ma io credo,che abbiamo ancora bisogno d'un po' di "monitoraggio" e proprio di questi equilibri, per vedere cosa accadra', con lo studio serio e continuo di tutti quelli elementi che sono la base di codesti equilib.

    Come le correnti marine le temp. superf. degli Oceani e dei vari strati dell'atmosfera i teleconvettivi che conosciamo bene e di tutte le variabili annesse e che nella fisica nel caso specifico dell'atmosf. appunto, ci sono;

    gia', qualcosa vi sia...,l'accenno è dovuto in primis all'osservazione degli ultimi tempi dell'attivita' solare e secondariamente alle reazioni che conseguenzialmente ne possono derivare, senza pero', ci tengo, accennare a catastrofismi inutili e unicam. sensazionalisti

    ed ad un pizzico d'intuito e istinto che qualunque buon "operatore" del settore ha.....e chi lo è, lo sente e lo capisce..:rolleyes:



  • @caravaggio90:

    Che onore… Le nostre discussioni vengono riprese e messe sul sito di 3Bmeteo;)

    Anomalie delle corrent artiche: quali conseguenze? | 3B Meteo

    Prof, si faccia pagare:D:D

    Trovo che le analisi e gli approfondimenti del P. franco siano davvero originali,
    nel senso che m'appaiono comprensibili e "diverse" dalle altre hanno un non so' che….....d'originale e basta! E poi il piu' delle volte quando son fatte in chiave previsionistica ci prendon pure...
    egli, gia' molto tempo addietro suggeri' questa chiave di lettura -:........"altalenante" x maggio e..........cacchiarola...,se non è cosi'....!!

    ora ci da' un ingresso probabile per giugno e l'estate, spiegando, se ci si riflette bene, la cosa in modo cristallino,ovvero
    che gli indici stanno in un modo e che l'itcz non è una "forzante",
    ed io trovo corretta l'interpretazione, perchè in effetti da solo quell'indice non puo' determ. una stagione

    esso è causato, non "causante"... concordo perfettamente, indi non è forzante,
    a mio parere, le SST e tutti gli indici dei mari sono in primo piano, NAO & AO su tutti e Lo Strat-W- della stratosfera...:rolleyes:

    ..a proposito Prof. : ha visto che scenario si prospetta x 3a dec. maggio, con i runs della GFS a 500 & 850hpa , per non parlar della ECMWF...

    non è che ci manchi moltissimo....roba di 3/4gg. al max. oltre alla "bava" che si protenderebbe in europa, cè una goccia fredda che pare isolarsi in mediterr., e poi a seguire un nuovo cavo d'onda fredda in picchiata...

    puo' far da preludio poi, ad una risposta piu' calda per Giugno, questo mi chiedevo e giro a lei



  • @fnucera3bmeteo:

    è una notizia che ho ripreso da nature il cui testo l'ho comprato
    http://www.nature.com/ngeo/journal/v5/n3/full/ngeo1379.html

    Ultimamente molte riviste di scienza e quant'altro ricoprono, si occupano d'argomenti quale Sole (FOCUS mese di MAG:) e di correnti marine o di clima vero e proprio, (GEO mese di Mar-Apr)

    tutto andrebbe bene, se non che molti di quegli argomenti…...sono stati trattati proprio su questo sito e forum,addiritt. mesi addietro....

    per cui, non credo che loro posson dire d'esser copiati, ma bensi' viceversa! D'altra parte chi fa' divulgazione scientifica,e non scienza sul "campo", da qualche parte dovra' pur prender notizie...x info la gente, son giornalisti...del reparto scientif. ma giornalisti



  • @giuliano:

    Ultimamente molte riviste di scienza e quant'altro ricoprono, si occupano d'argomenti quale Sole (FOCUS mese di MAG:) e di correnti marine o di clima vero e proprio, (GEO mese di Mar-Apr)

    tutto andrebbe bene, se non che molti di quegli argomenti…...sono stati trattati proprio su questo sito e forum,addiritt. mesi addietro....

    per cui, non credo che loro posson dire d'esser copiati, ma bensi' viceversa! D'altra parte chi fa' divulgazione scientifica,e non scienza sul "campo", da qualche parte dovra' pur prender notizie...x info la gente, son giornalisti...del reparto scientif. ma giornalisti

    Sì, ma io non ho mai detto che Nucera abbia copiato dal prof Franco, però penso che abbia preso spunto dagli argomento trattati sul forum per scrivere un articolo molto interessante…
    Non c' è niente di male, anzi credo che al prof abbia fatto piacere....



  • @caravaggio90:

    Sì, ma io non ho mai detto che Nucera abbia copiato dal prof Franco, però penso che abbia preso spunto dagli argomento trattati sul forum per scrivere un articolo molto interessante…
    Non c' è niente di male, anzi credo che al prof abbia fatto piacere....

    Non l'ho detto neppure io,se leggi bene…..era inteso che potessero essere "loro" le riviste a far da copioni a quanto trovano sul web, e in tal caso potevan prender spunto da quel che dice P. franco o altri,mentre credo che una che sia seria ed autorevole prende alla "fonte" le proprie notizie..

    da un ente preposto a base scientifica, per es.:rolleyes:



  • @Prof.:

    Ahhh, bene studioso d'oltr'Oceano a quel che vedo…bene,

    dunque, dell'IPCC nemmeno io sapevo che prendesse solo dati....ricavati,non è un demerito ma insomma concordo sul fatto che se uno se li fa' da se manco è peggio..

    detto questo, in piu' persone m'è capitato chiedermi se un ente sia diciam...."super-partes".. nelle analisi ,nella stesura di rapporti, nel diramo dei dati...

    e........bohhh..! io credo che da sempre ci sia il proprio mulino o le strumentalizzazioni tra e nei vari enti, poi, + o - serieta', ma di quest'ultima dobbiamo accorgecene noi, essere attenti a non farci "imbalsamare" da congetture e falsi proclami

    non credo pero', che un ente come L'IPCC, governativo,poi, ed anche di certa autorevolezza, sia tra quelli indicati ad esempio; e lo asserisco in base al suo comportamento in tanti anni,in cui, non ha per la verita', sforato tanto, nel confuto dei dati che ho potuto apprezzare.

    Mi par d'aver notato tempestivita' e imparzialita', quanto basti, ed anche una certa prontezza nell'esponere dati nuovi e disaminarne i contenuti,poi che lo faccia su basi scientifiche ,non ne faccio personalmente una gran colpa, basta che le fonti siano appunto autorevoli serie e competenti ,nonche' oramai riconosciute dal campo scientifico.

    Sull'altra questione, dell'hp Azzorr. ho avuto modo se hai seguito di rispondere precedentem., quindi vale lo stesso pensiero..

    se sia normale o meno fattori come la "squallid line" cosi' l'ho denominata..,eheehh..: vecchio,anzi antico problema ormai..

    di sicuro,gli sbalzi termici ci son sempre stati,la frequenza è allo studio di questo decennio che sta per concludesi o meglio trattasi d'un ulterire aggiornam. di dati al riguardo (periodo 2002-2012) quindi si puo' attendere fine d'anno per saper di incrementi o diminuz. (penso-aum.)..

    Oltre oceano hanno piu' dimestichezza di noi, in meteo-clima? ma pure in Inghilterra ce l'hanno, in Germania e in Francia ma credo anche Spagna etc.,non è che bisogna andar nell'emisfero opposto per trovarne, questo fa' parte di cultura...difficile da radicare,
    li',non s'apre solo al mattino la finestra per vedere che meteo faccia...no,no, la si programma, si monitora e poi s'esce..se uno va a Londra, potra' capitare di veder un "man" con l'ombrello in mano, anche se di mattino c'è il sole......xcheè quello gia' sa' che poi, al pomeriggio piovera',,,s'è informato prima...

    la questione del cambio di equilibri, concludendo, è fatta di analisi e di confronto di dati del passato piu' lontano e meno,del raffronto di essi e qui si' che la statistica, di riporto esatta pero', deve darci man forte, per vedere appunto se questi disequilibri o nuovi equilib.come dir si voglia, ci conducano o meglio assestino il clima in fasi diverse da quelle odierne, come ha sempre fatto il clima nel corso dei sec. e dei millenni.

    Allora guardiamo a tre cose in scala "gerarchica" direi :-

    1°- l'attivita' solare,il suo ciclo come evolve;

    2°- i risvolti sugli indici tele convettivi;

    3°- gli indici e gli effeti su atmosfera e mari;

    l'inquinamento e gli effetti antropici, per il sottoscritto hanno un importanza si', ma dopo queste tre cose, la loro "incidenza" è minoritaria sul sistema da quel che è emerso sinora e da quel che c'è di scientifico "puro" e "illibato" sul tavolo.

    questa è Scienza , condivido.



  • Questi tre effetti, come dice Le Egr. ill.stre Prof Franco,hanno priorita' senz 'altro ma fuori dal debito conto dell'apporto da emissioni di gas serra d'origne umana, che sconvolge il quadro, per evidente interazione da FORCING INTERNO

    (Quindi non natural )



  • No. Non cosi'.

    Queste 3 cause/effetti, sono le maggiori deputate ai change del sistema climatico. Gliele ripeto: Solar Activity / Index Tlc / Oceani e ci introdurrei anche cosmics parts [wind of neutron cosmic] eccentricita' Lunare.

    Le emissioni ostacolano in parte questi processi ma non li…..estinuguono, tutti a favore d'un AGW. Non c'è prove che tengano, sufficienti ad ora. Innegabile un apporto umano al Clima, pero', se lei ben rammenta, vent'anni e passa orsono, per via dell'effetto serra e del GW antrop., dovevamo essere quasi......estinti o giu' di la'. Destrificazione IMMENSA E SCONSIDEREVOLE, SCIOGLIMETO DEI GHIACCI SEMI & PERMANENTI, AI POLI E SUI GHIACCIAI, tutto molto SOVRASTIMATO, DIREI...qualcosa c'è , è indubbio ma
    non quelle previsioni. Il sistema autoregolatore terrestre o meglio , climatico....a retto, sinora. Certo i protocolli servono a non esagerare pero' i POLI (North and South) stanno benone, in buona salute e quelle catastrofie, non sono avvenute. Quindi ci si chiede: perché dovrebbero avvenire quest'altre, new previste? Difficile ala luce di quanto, pensarla positivamente, al riguardo, non trova?


Effettua il Log in per rispondere
 

Sembra che la tua connessione a Il Forum di 3BMeteo sia stata persa, per favore attendi mentre proviamo a riconnetterti.