Una considerazione sul clima…



  • secondo me si dovrebbe avere una visione un po' più ampia dell'andamento climatico terrestre e non limitarsi al proprio orticello…
    Io credo che se le temperature globali DOVESSERO MAI ABBASSARSI comincerebbero a farlo dalle alte latitudini polari, quindi se ci sono degli elementi marco-climatici che suggeriscono un rallentamento del GW sicuramente avranno un impatto complessivo maggiore alle altissime latitudini. In altre parole: se c'è anche una minima speranza che il clima si raffreddi di certo non comincerà a farlo dall'Italia che, peraltro, pagherà per alcuni anni l'inerzia termica del mediterraneo. Nei prossimi giorni continueremo a registrare valori di 5-6°C superiori alle medie, ma nel contempo Scandinavia, Groenlandia, Russia occidentale e Canada settentrionale accuseranno anomalie anche di -6/-8°C. Io preferisco così piuttosto che avere un deleterio anticiclone tra Polo e Scandinavia e freddo INUTILE sulla Penisola. Se una macchina è totalmente guasta non si comincia certo a ripararla dalle ruote, bensì dal motore e il motore in questo caso è il Polo e tutto ciò che gli sta intorno. Noi paghiamo ancora a caro presso il super-deficit glaciativo del 2007...

    Tyler



  • Si sono d'accordo, i primi segnali incoraggianti sul cambio di tendenza sperato arrivano dal polo ove il contenuto di vapore acqueo (principale gas serra atmosferico) mostra forti segni di diminuzione dopo il picco del decennio passato. Ciò favorsice il sistema di raffreddamento da irraggiamento.



  • sì hai ragione, è una cosa che non avevo preso in considerazione



  • Io vi leggo ignaro e ignorante e incrocio le dita e spero con tutto il cuore che abbiate ragione :| :? perchè se per caso così non fosse sarebbero davvero broccoli acidissimi :!: ;)



  • E' una considerazione interessante e ponderata. C'è anche da dire, secondo me, che un'eventuale trend verso il freddo alle alte latitudini non verrà mai sfruttato dal Mediterraneo finchè continueremo ad avere ingerenze anticicloniche continue, cosa che non credo dipenda dal GW o almeno certamente non solo da quello. Il freddo in realtà ci sarebbe ed è dietro l'angolo…



  • @Edoardo:

    E' una considerazione interessante e ponderata. C'è anche da dire, secondo me, che un'eventuale trend verso il freddo alle alte latitudini non verrà mai sfruttato dal Mediterraneo finchè continueremo ad avere ingerenze anticicloniche continue, cosa che non credo dipenda dal GW o almeno certamente non solo da quello. Il freddo in realtà ci sarebbe ed è dietro l'angolo…

    Ecco appunto: perchè abbiamo continue ingerenze anticicloniche afromediterranee? solo cella di Hadley o comesichiama? o c'è qualcosaltro? che ne so, inclinazione asse terrestre, velocità di rotazione, cicli astronomici, sparo a casaccio, non sono un climatologo, solo una persona curiosa e accaldata :o ;) :P



  • ci sono innumerevoli fattori che invitano a salire gli anticicloni, tra cui anche il Nino e la Nina, quello che è certo è che anche con una -10°C ad oltralpe possiamo avere caldo finchè abbiamo l'anticiclone sulla cucuzza. E questo credo indipendentemente dal GW. Non dimentichiamoci le storiche siccità del passato, tipo quella del non inverno 88-89…



  • Il motivo principale per cui l'antiticlone subtropicale ci fa più spesso visita durante l'inverno risiede nell'aumentata attività del vortice polare. In pratica le correnti zonali sono più intense e a lungo andare richiamano a se masse d'aria fredda da nord e masse d'aria calda da sud a fronteggiarsi. In pratica il polo durante l'inverno risulta più freddo e le basse latitudini più calde. Questo succede quando gli oceani tropicali sono più caldi e quindi durante le fasi sincrone di AMO e PDO positive.



  • @stevengal:

    @Edoardo:

    E' una considerazione interessante e ponderata. C'è anche da dire, secondo me, che un'eventuale trend verso il freddo alle alte latitudini non verrà mai sfruttato dal Mediterraneo finchè continueremo ad avere ingerenze anticicloniche continue, cosa che non credo dipenda dal GW o almeno certamente non solo da quello. Il freddo in realtà ci sarebbe ed è dietro l'angolo…

    Ecco appunto: perchè abbiamo continue ingerenze anticicloniche afromediterranee? solo cella di Hadley o comesichiama? o c'è qualcosaltro? che ne so, inclinazione asse terrestre, velocità di rotazione, cicli astronomici, sparo a casaccio, non sono un climatologo, solo una persona curiosa e accaldata :o ;) :P

    bè non hai tutti i torti…La loro posizione dipende infatti dal gradiente di temperatura nello strato compreso tra 3000 e 9000 metri circa. In inverno, questa differenza aumenta tanto da determinare una migrazione verso sud delle alte pressioni. Ora siccome dipende dal gradiente e siccome lo strato pare si sia "scaldato" con conseguente diminuzione dell'instabilità baroclina, è più facile che vi sia una loro maggiore apparizione verso nord (Conte, Colacino) Resta da capire chi o cosa riscalda questo strato. In effetti, quanto detto, è in linea con quanto realmente osservato e quanto i modelli di simulazione avevano indicato qualche anno fa, tanto che la pressione sul Mediterraeno (specie occidentale) è aumentata. ;)



  • @Tyler:

    secondo me si dovrebbe avere una visione un po' più ampia dell'andamento climatico terrestre e non limitarsi al proprio orticello…
    Io credo che se le temperature globali DOVESSERO MAI ABBASSARSI comincerebbero a farlo dalle alte latitudini polari, quindi se ci sono degli elementi marco-climatici che suggeriscono un rallentamento del GW sicuramente avranno un impatto complessivo maggiore alle altissime latitudini. In altre parole: se c'è anche una minima speranza che il clima si raffreddi di certo non comincerà a farlo dall'Italia che, peraltro, pagherà per alcuni anni l'inerzia termica del mediterraneo. Nei prossimi giorni continueremo a registrare valori di 5-6°C superiori alle medie, ma nel contempo Scandinavia, Groenlandia, Russia occidentale e Canada settentrionale accuseranno anomalie anche di -6/-8°C. Io preferisco così piuttosto che avere un deleterio anticiclone tra Polo e Scandinavia e freddo INUTILE sulla Penisola. Se una macchina è totalmente guasta non si comincia certo a ripararla dalle ruote, bensì dal motore e il motore in questo caso è il Polo e tutto ciò che gli sta intorno. Noi paghiamo ancora a caro presso il super-deficit glaciativo del 2007...

    Tyler

    :?: :arrow: :geek:
    Temperature in forte ascesa (Artico)
    Un improvviso riscaldamento termico sta rallentando la gelificazione autunnale al Polo Nord. Dopo un finale di settembre piuttosto buono (sempre rispetto ai minimi del 2007-2008) la crescita della banchisa sta registrando un drastico rallentamento. Secondo le ultime osservazioni dell'IJIS l'attuale estensione è di poco superiore a quella fatta osservare nello stesso periodo del 2008; in parole povere il vantaggio sullo scorso anno su sta progressivamente annullando. E nei prossimi giorni potrebbe andare anche peggio a causa di un ulteriore innalzamento termico. Tra domani e il 7 ottobre nel cuore del Polo Nord dovrebbe insinuarsi un'alta pressione dinamica caratterizzata da isoterme superiori ai -5°C a 850hp. Un evento che delocalizzerà il freddo lungo le aree subpolari e che potrebbe produrre un'avvezione calda sull'Alaska. Questa anomala distrubuzione termica va ricercata nell'eccezionale attività ciclonica tra Mare di Barents e Scandinavia, lungo il cui bordo settentrionale continuano a scorrere masse d'aria di origine continentale. La situazione potrebbe tornare alla normalità dopo il 12, fino ad allora ci attendiamo una lenta crescita del pack ed avvezioni artiche fuori stagione negli States settentrionali e sul Canada.



  • OPS….. :roll: :lol:
    Vabbè, dai....forse poi si raffredda :geek:
    Dove l'hai presa quella notizia?



  • @Tyler:

    OPS….. :roll: :lol:
    Vabbè, dai....forse poi si raffredda :geek:
    Dove l'hai presa quella notizia?

    Proprio qui: ;) :arrow:
    http://www.3bmeteo.com/giornale/notizia … p?art=5287



  • Allora non sono poi tanto anti-serristi quelli di 3b… ;)
    Cmq è davvero pesante come riscaldamento...ma ai visto le colate attese sugli States???
    Si rischia la neve in pianura nel North Dakota!



  • Ciao ragazzi ….non centra proprio nulla. questo mess qui ma sono nuovo ed ho bisogno gentilmente. di aiuto!!!
    ho scaricato sul mio android l‘ app di 3bmeteo ma non so come metter le temperature sotto lo 0 tipo -4....!!!!chi può. aiutarmi???



  • @Paolo3bmeteo:

    Si sono d'accordo, i primi segnali incoraggianti sul cambio di tendenza sperato arrivano dal polo ove il contenuto di vapore acqueo (principale gas serra atmosferico) mostra forti segni di diminuzione dopo il picco del decennio passato. Ciò favorsice il sistema di raffreddamento da irraggiamento.

    Che Amarcord….,quante speranze disilluse! Sigh....! Ove sono, "i tendenzianti del NEW AGE CLIME..?'?' "…



  • Extreme a go-go /josa and Company, fautori dell'age climate Era, scomparsi, ah..ah…ah....!

    People, la bonta' di verita' ha sconfinato! Non li vedrete mai piu', perché han fallito da misantropi qual'erano. Visto? people...
    non credete sugli altri siti, a costoro ! Impagliatori di scienziologie occulte e psicolabili, imbavagliatori dell veroita' climatica. Quel di sopra è del 2009!!! Solo peggioramenti in 6 anni! E piu' estremi, come in questo Maggio 2015! Son restati senza …..."toni" di voce. Bleach….!



  • Il Clima non corre come qualcuno immaginava (ed immaginazione rimase..) col solo trascorrere del tempo. No, esso è attraversato ancorche' dal tempo che trascorre, anche da molteplici fattori che ne modificano la struttura, le caratteristiche e le dinamiche. E' proprio per questo che si tratta d'un FLUIDO IN MOVIMENTO. E solo chi ha "studiato" Fisica, o dinamica dei fluidi in Fisica , sa bene di cosa parlo. Ragione per cui, l'affidamento alla sola statistica, che nel passato ha avuto la sua importanza, col tempo, il suo stretto e solitario "uso", non fa molto bene alla proiezione , specie se pluri stagionale o decennale, ancor peggio. Perché il clima cambia. E lo fa a volte repentinamente , talvolta piu' lentamente, dipendendo anche da forcing di varia natura e dal fatto che essi siano in un determinato periodo o ERA, piu' o meno interagenti. Cos', il "collezionista" di statistica-casistica del clima, resta soventemente , spiazzato. E quindi, puo' incorrere in tali errori, che non sempre sono di natura dolosa o voluta ma spesso s'accompagnano all'ignoranza depositata e confidante unicamente in un sol elemento: la statistica. Che oggi, con l'aspetto della FENOMENOLOGIA EXTREMA molto piu' presente a rammentarcelo, non basta piu'. Per l'altro, che statistica non sia, pero' occorre studiare. O averlo fatto. Questo è il punto, caro Proteus. saluti



  • Ehhh, ho capito a chi è rivolto sto' tema qui….

    ma oramai ha detto "grazia deus" qui al forum, er protagonista! S'era "sgonfiato" poeretto....! Ah....ah....ah...., n'dove va', va'...
    o' stann' a fa nero! Ahi, ahia....,ahi. Ma cmq ,nun è che sparava e faceva sempre cilecca....., quarche vorta c'ha pure preso.
    Se se vuo' spezza' na' spada a su' favore, quello li' .....e n'argomento bollente! Nun regge, ce vo' na personalita'......de ferro!


Effettua il Log in per rispondere
 

Sembra che la tua connessione a Il Forum di 3BMeteo sia stata persa, per favore attendi mentre proviamo a riconnetterti.